"Ho lasciato il cadavere nel campo, l'hanno bruciato prima di rubare la borsa"

La versione di Chiara Alessandri: questo quanto avrebbe dichiarato nell'interrogatorio di convalida. Al momento è accusata di omicidio e distruzione di cadavere

Stefania Crotti e Chiara Alessandri

Stefania Crotti non sarebbe stata uccisa a martellate, ma morta accidentalmente nel corso del litigio scatenato con Chiara Alessandri, nel suo garage, che l'avrebbe solo spintonata contro il muro. Niente di più: così come non sarebbe stata lei, l'unica accusata di omicidio, ad aver bruciato il corpo. Lei l'avrebbe solamente seppellita in campagna, insieme a un martello, una pinza e la borsa della donna: chi ha fatto sparire la borsa, potrebbe allora anche aver bruciato il corpo.

E' questa in estrema sintesi la versione di Alessandri, la 43enne di Gorlago che è stata interrogata dal Gip per la convalida del fermo. Assistita dal suo legale, Alessandri ha ricostruito la vicenda dal suo punto di vista. Negando, per il momento, di aver mai colpito Crotti con un martello, né tanto meno di aver bruciato il corpo.

I risultati dell'autopsia

Alcune sue dichiarazioni però sarebbero già state smentite dalle prime indiscrezioni sull'autopsia, eseguita martedì, in attesa della relazione definitiva. In particolare, l'esame autoptico avrebbe rilevato diverse lesioni sul corpo di Stefania, forse addirittura una decina, e quattro di queste alla testa, compatibili con i colpi di un martello, o comunque di un pesante oggetto contundente.

Non è stato però possibile verificare come sia stata uccisa: nei prossimi giorni si vaglierà anche l'ipotesi di una morte per soffocamento da fumo. Un'ipotesi inquietante: se confermata, significherebbe che Stefania Crotti è stata data alle fiamme quando era ancora viva. Decisivo in sede di indagine potrebbe essere anche il ritrovamento della borsa della donna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'interrogatorio di Alessandri

Sempre nell'interrogatorio, Alessandri ha negato nuovamente di aver premeditato il delitto. Nessuna volontà di uccidere, ha spiegato: avrebbe voluto incontrare Crotti solo per chiarire la propria posizione, lei che era stata l'amante del marito la scorsa estate, prima che Stefania e Stefano Del Bello tornassero di nuovo insieme. Ma ci sono tanti elementi che fanno pensare. Anche quel messaggio, inviato al suo complice ignaro: “La festa è andata bene”. Inviato pochi minuti dopo la morte della donna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, barista bresciana si ribella: “Io non chiudo alle 18, arrestatemi”

  • Coronavirus, Crisanti: "Vi spiego perché il Natale può essere un'opportunità"

  • Uccisa dalla malattia in poco più di una settimana, Denise muore a soli 21 anni

  • Covid: a Brescia oltre 300 nuovi casi e una vittima, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Svuota le casse dell’azienda, compra borse e auto di lusso: nei guai impiegata

  • Coronavirus, 177 contagi in 24 ore: i nuovi casi Comune per Comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento