Attualità

Casa pignorata: coppia di anziani rischiava di finire in mezzo alla strada

La coppia, costretta a lavorare pur avendo superato i 70 anni, rischiava di finire per strada: il giudice, dietro richiesta del legale di fiducia, ha concesso di avviare la procedura per la cancellazione del debito, prima che la casa dove vivono fosse messa all'asta

Costretti a lavorare, nonostante l'età avanzata e i problemi di salute, schiacciati da montagne di debiti e obbligati a fare i conti con il rischio di restare senza un tetto sopra la testa. È l'incubo vissuto da una coppia di anziani, originari di Milano ma da tempo residenti a Brescia.

Vittime della crisi: Elio Gallibariggio e la moglie Elisabetta Roberta Galtarossa, di 71 e 72 anni, avevano infatti accumulato debiti per 300mila euro con l’Agenzia delle Entrate e per 140mila con un istituto di credito, accollandosi gli impegni economici contratti da alcuni famigliari. Su richiesta della banca avevano messo la propria abitazione a garanzia dei debiti.

Per restituire il dovuto, i due anziani, che percepiscono una magrissima pensione, si sono rimboccati le maniche e hanno ripreso a lavorare: entrambi fanno gli operai in un'azienda del Milanese. Ma nemmeno gli stipendi percepiti sarebbero bastati a ripagare i creditori. Una situazione a rischio, che sembrava senza via d'uscita. 

"Di fronte ai mancati pagamenti, a marzo la banca ha deciso di avviare la procedura di pignoramento: l’asta era stata fissata per il 24 maggio - spiega l’avvocato Monica Pagano (fondatore e titolare dello Studio legale Pagano & Partners di Brescia e Fondatrice dell’Associazione Favor Debitoris) -. Il mio studio si è opposto all’asta sulla base della legge 3/2012 sul sovraindebitamento, la cosiddetta legge “salva suicidi”, che stabilisce che l’esecuzione non possa proseguire se il debitore è sovra-indebitato."

Una storia (purtroppo) come tante, ma con un lieto fine: grazie all'intervento del legale di fiducia, i due anziani sono infatti riusciti a evitare che la loro casa venisse venduta all'asta giudiziaria. Una luce in fondo a un lunghissimo tunnel: una settimana prima che l'abitazione venisse aggiudicata ad altre persone - l'avvocato della coppia era già stato contattato da diversi investitori interessati all'affare -, il giudice ha interrotto la procedura esecutiva e il conseguente sfratto, aprendo quella liquidatoria.

Ciò significa che glia anziani coniugi hanno 4 anni di tempo per vendere la casa a prezzi di mercato, utilizzando il ricavato per pagare una parte del debito.  Non solo: la cifra restante, che i due non riuscirebbero comunque saldare, verrà cancellata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casa pignorata: coppia di anziani rischiava di finire in mezzo alla strada

BresciaToday è in caricamento