Politica

Brescia: Provincia, sì al referendum su Lombardia indipendente

A favore della mozione shock - oltre a Lega e Unione Padana - anche Fratelli d'Italia e Popolo della Libertà

Palazzo Broletto

Il consiglio provinciale di Brescia ha detto sì giovedì alla mozione sulla promozione di un referendum popolare sull'indipendenza della Lombardia, presentata da Unione Padana e Lega Nord.

Gli assessori della giunta Molgora
si «regalano» quindici tablet

Promotore dell'iniziativa Giulio Arrighini, leader dell'Unione Padana ed ex leghista in passato fortemente critico col padre-padrone Umberto Bossi. Affinchè fosse approvata, tuttavia, sono stati necessari i voti favorevoli - oltre a quelli della Lega - di Pdl e di Fratelli d'Italia  (il che, per un partito che ha il tricolore nel simbolo, è veramente difficile da spiegare). Contrari, invece, Udc, Pd e Italia dei Valori.

"Si tratta di una data storica per la nostra terra - dichiara Fabio Rolfi, segretario provinciale per Brescia del Carroccio e consigliere regionale lombardo -. Per la prima volta un ente istituzionale si esprime in modo favorevole alla promozione di un referendum popolare attraverso cui i cittadini lombardi possano liberamente esprimersi in merito all'indipendenza della regione".

"Dispiace solo notare - prosegue Rolfi - come i consiglieri del Partito Democratico abbiano invece scelto di dichiararsi contrari, dimostrando ancora una volta di essere prima burocrati di partito e poi lombardi".

"Il prossimo passo - conclude la nota del segretario provinciale della Lega Nord - sarà quello di promuovere una mozione simile in tutti i consigli comunali della provincia di Brescia".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brescia: Provincia, sì al referendum su Lombardia indipendente

BresciaToday è in caricamento