Padenghe: 770.000 euro per rifare il porto di Villa Garuti

Ruspe al lavoro a partire dal prossimo autunno. Il sindaco Avanzini: "Diamo al paese un nuovo appeal in chiave turistica"

Porto di villa Garuti (fonte: Panoramio@frabet)

PADENGHE. II porto comunale Villa Garuti sarà oggetto nei prossimi mesi di una significativa operazione di riqualificazione. L’intervento, del valore economico di 770.000 euro, inizierà nel prossimo autunno grazie al finanziamento regionale e a quello dell’Autorità di Bacino del lago di Garda.

La delibera regionale del 17 luglio scorso ha infatti riconosciuto un importo di euro 470.000, il più alto tra tutte le opere finanziate, per riqualificare tutta l’area. Altri 100.000 euro sono stati stanziati dall’Autorità di bacino da avanzi di gestione.

Il progetto prevede un ampliamento dei posti barca, dell’area pubblica, lo spostamento della gru e un totale rifacimento della pavimentazione. Tutta l’area verrà riqualificata come merita, compresa la realizzazione di nuovo parcheggio pubblico a monte e una rivisitazione dell’accesso al porto stesso.

La riqualificazione del porto comunale entra nella programmazione pluriennale dell’Amministrazione Avanzini, che ha messo al centro dell’azione amministrativa “la valorizzazione della fascia a lago”. Lo scopo dichiarato è quello di “dare al paese un nuovo appeal in chiave turistica”.

Lungo questo percorso, di grande aiuto è stata l’Autorità di Bacino che ha supportato l’amministrazione sia nella fase progettuale che finanziaria. Una sinergia che dura ormai da anni, prima con la passeggiata di collegamento con Moniga, che ha riscosso un successo superiore alle più rosee aspettative, adesso il porto e in futuro la riqualificazione dell’ultimo tratto di litorale fino al confine con Lonato.

“Riteniamo che tali interventi siano fondamentali per  ristabilire la vocazione turistica del nostro territorio che ha nel lago la sua forza - afferma il primo cittadino -. Purtroppo negli anni scorsi tale ricchezza non è stata adeguatamente riconosciuta e utilizzata. Si è preferito costruire residenze e finte strutture ricettive che di turistico hanno purtroppo ben poco. Ma il lago c’è ancora e si farà  di tutto per valorizzarlo come merita”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Positivo al Covid e dimesso: "L'ospedale mi ha detto di tornare a casa in autobus"

Torna su
BresciaToday è in caricamento