Esselunga, al via il maxi-polo logistico da 350 milioni di euro: 900 posti di lavoro

Firmata la convenzione con il Comune di Ospitaletto che di fatto vale come via libera al progetto del nuovo polo logistico da oltre 350 milioni di euro

Foto di repertorio

Stavolta non basta nemmeno il prefisso “maxi” per rendere l'idea delle dimensioni dell'investimento: a conti fatti si parla di oltre 350 milioni di euro, per un'area complessiva di quasi 900mila metri quadrati, circa 900 posti di lavoro e quasi 30 milioni di euro di compensazioni distribuiti ai Comuni. E' questo il futuro del nuovo polo logistico di Esselunga Spa, e che verrà realizzato a Ospitaletto negli spazi dell'ex acciaieria Stefana, garantendo tra l'altro la riassunzione dei 120 operai rimasti a casa dopo la chiusura della fabbrica.

Mercoledì mattina è stata firmata a Milano la convenzione urbanistica per la realizzazione del maxi-polo: la struttura logistica arriverà ad occupare quasi 300mila metri quadrati, ma sarà circondata da un grande parco pubblico attrezzato (da oltre 220mila mq: per intenderci, come una cinquantina di campi da calcio) e altri 115mila mq di parcheggi. Occupano più di 150mila mq le aree che saranno destinate a servizi d'interesse pubblico.

Le opere compensative

Nel preventivo ci sono anche 30 milioni di euro dedicati alla sola bonifica dell'area un tempo occupata dall'acciaieria (già in corso, e ormai verso la conclusione). Per quanto riguarda le opere compensative di certo ci saranno un nuovo palazzetto dello sport (da 5 milioni di euro), quasi un chilometro e mezzo di piste ciclabili, il grande parco citato poco fa (che vale almeno 2,5 milioni), altri 2 milioni e mezzo che saranno distribuiti ai Comuni vicini (Castegnato, Cazzago San Martino e Travagliato).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La trafila burocratica

L'iter si conclude dopo due anni di estenuanti trattative, minacce di ricorsi, la variante al Pgt e l'inevitabile burocrazia: ora manca solo la procedura regionale di Via, la Valutazione d'impatto ambientale, poi nel giro di pochi mesi il progetto potrà entrare nella fase operativa. “Questa firma rappresenta un risultato eccezionale da ogni punto di vista – spiega il sindaco Giovanni Battista Sarnico – Quanto realizzato e portato avanti sino ad oggi è il risultato di un lavoro straordinario di negoziazione, a favore di Ospitaletto. Ringrazio l'azienda per aver confermato gli impegni presi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, barista bresciana si ribella: “Io non chiudo alle 18, arrestatemi”

  • Coronavirus, Crisanti: "Vi spiego perché il Natale può essere un'opportunità"

  • Uccisa dalla malattia in poco più di una settimana, Denise muore a soli 21 anni

  • Covid: a Brescia oltre 300 nuovi casi e una vittima, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Svuota le casse dell’azienda, compra borse e auto di lusso: nei guai impiegata

  • Coronavirus, 177 contagi in 24 ore: i nuovi casi Comune per Comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento