A2A: si ragiona sulla sostituzione di Zuccoli, aperti i bandi per il Cds

Pisapia ha annunciato l'apertura del bando pubblico per presentare le candidature a consigliere di sorveglianza di A2A. A Brescia il termine è stato invece fissato al 16 marzo

A2A ragiona ancora su come procedere alla sostituzione dell'ex presidente Giuliano Zuccoli, dimessosi ieri con una mossa a sorpresa dalla guida della multiutility lombarda.

Lo statuto prevede, in caso di cessazione dalla carica di un consigliere di gestione, che il consiglio di sorveglianza provveda "senza indugio" alla sostituzione scegliendo "ove possibile, tra i candidati non eletti tratti dalla lista cui apparteneva il componente" cessato.

La lista 'milanese', a cui Zuccoli apparteneva, includeva tra i non eletti Alessandro Ermolli, Carlo Secchi, Patrizia Savi e Michele De Censi. Al momento non risulta ancora convocato il Cds chiamato a prendere una decisione sul tema. All'interno della multiutility, tra l'altro, non sembra esserci certezza se Zuccoli abbia lasciato solo la carica di presidente, restando consigliere (nel qual caso non sarebbe necessario il reintegro).

- A2A: Zuccoli lascia. Ora spetta a Milano indicare il successore
- A2A: si è dimesso Zuccoli, il curriculum

Il comunicato stampa di ieri - parlando di dimissioni da "tutte le cariche" - sembrava però escludere questa possibilità. Tra le ipotesi che circolano, che appaiono però incompatibili con le previsioni dello statuto, c'é anche quella di lasciare il posto di Zuccoli vacante, anche in considerazione del fatto che i consigli sono in scadenza in primavera. I poteri di gestione sono in ogni caso assicurati dai direttori generali, Renato Ravanelli e Paolo Rossetti.

Sull'addio di Zuccoli, annunciato con una lettera in cui il manager valtellinese si lamentava per i ripetuti attacchi subiti dall'assessore al Bilancio del Comune di Milano, Bruno Tabacci, é tornato oggi il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia.

"Si tratta di dimissioni per motivi personali che tutti conoscono - ha detto - e io sono vicino a Zuccoli e lo ringrazio per quello che ha fatto per A2A e per Milano". Pisapia ha anche annunciato l'apertura del bando pubblico per presentare le candidature a consigliere di sorveglianza di A2A.

Chi vorrà farsi avanti avrà tempo fino al 29 febbraio e dovrà "dimostrare esperienza e competenza professionale almeno quinquennale di direzione, gestione, controllo, insegnamento e ricerca in organismi del settore pubblico o privato, in relazione al settore di attività, alle peculiari caratteristiche e alle dimensioni e responsabilità della società". A Brescia, l'altro Comune azionista di A2A, dove questi requisiti non sono richiesti dal bando, il termine entro cui candidarsi è fissato al 16 marzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Manifestazione Io Apro: il 15 gennaio ristoranti aperti contro la nuova stretta

  • Lombardia zona rossa dal 17 gennaio, le regole: cosa si può fare e cosa no

  • Orrore in famiglia: guarda video porno e fa sesso con la sorellina di 14 anni

  • Cerca di stuprarla nei campi, lei lo morde alla lingua e riesce a scappare

  • Iveco parlerà cinese? Offerta miliardaria per lo storico marchio, Brescia trema

  • Provincia di Brescia: morti e contagi di sabato 16 gennaio 2021

Torna su
BresciaToday è in caricamento