menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La Forestale ha sequestrato l'immobile

La Forestale ha sequestrato l'immobile

Appalto sospetto per l’edificio fuori norma: indagati sindaco e vice

Blitz della Guardia Forestale a Provaglio Valsabbia: sotto sequestro un edificio di proprietà del vicesindaco Ermano Pasini, indagato per abuso d’ufficio insieme al sindaco Marco Venturini e ad un consigliere di maggioranza

Acque agitate, a Provaglio Valsabbia. Dove sindaco e vice risultano essere sotto inchiesta per abuso d’ufficio: nel mirino degli inquirenti un presunto abuso edilizio, volumetrie che sarebbero andate oltre i limiti, la compiacenza del Comune nel rilasciare nuovi titoli abilitativi. Tutto presunto, niente di certo: ma fatto sta che la Guardia Forestale ha posto sottosequestro l’edificio incriminato.

Un tempo era una ferramenta, le intenzioni del vicesindaco Emano Pasini – già presidente della Comunità Montana – sono quelle di ottimizzare la struttura affinché possa ospitare un bar. Il progetto e la direzione dei lavori sarebbero stati affidati ad un professionista già noto all’ufficio tecnico del Comune, i lavori edili invece sarebbero stati affidati all’azienda di un consigliere della maggioranza.

I lavori proseguono spediti, ma con qualche ipotetica violazione. La riqualificazione dell’edificio avrebbe appunto ‘sforato’ le volumetrie previste. Da qui sarebbe nato l’abuso mai sanato, e per cui sono indagate tre persone e tutte riconducibili alla maggioranza di ‘governo’: oltre la vice Pasini anche il sindaco Marco Venturini, e con lui il consigliere titolare della ditta che avrebbe realizzato i lavori. Indagati per abuso d’ufficio.

A prima vista un terremoto politico, la conclusione di indagini che in realtà proseguono da tempo. Il grande accusato, Ermano Pasini, ovviamente si difende: “Se anche se ci fossero state delle irritualità – ha dichiarato a BresciaOggi – rientrano nella sfera delle violazioni amministrative sanabili”.

E Pasini in realtà non è nuovo alle inchieste giudiziarie: nel 2012, quando era stato da poco nominato assessore alla Caccia e alla Pesca della Provincia di Brescia, era stato costretto alle dimissioni perché indagato nell'inchiesta sui rimborsi gonfiati, quando ancora era presidente della Comunità Montana di Vallesabbia. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, contagi da zona rossa: attesa decisione della Regione

social

Le acque si abbassano, l'antico "castello" riemerge dagli abissi del lago

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento