Venerdì, 18 Giugno 2021
Economia

L'azienda non si vende, operai in allarme: 140 a rischio licenziamento

L'ennesimo bando andato deserto per la vendita della Stefana di Nave, stabilimento che occupa circa 140 addetti. Operai a rischio licenziamento: per i sindacati "qualcuno non vuole che si venda"

Foto d’archivio

Sono almeno 140 gli operai con il fiato ancora sospeso, in attesa di una buona notizia che purtroppo mercoledì mattina non è arrivata: sesto bando per la vendita della Stefana di Nave, base d'asta 10 milioni di euro ma ancora nessuna offerta. E la situazione adesso si complica: il rischio concreto è quello di un licenziamento collettivo.

Una vicenda che comincia da lontano, con la crisi dell'intero gruppo (che aveva stabilimenti a Nave, Montirone e Ospitaletto) che un po' alla volta viene spacchettato: la fabbrica di Ospitaletto diventa centro logistico di Esselunga, quella di Via Brescia a Nave passa al gruppo Feralpi, quella di Montirone all'Alfa Acciai.

Ma resta il nodo (strettissimo) dello stabilimento di Via Bologna, dove appunto risulterebbero occupati ancora 140 operai (ma con 30 pensionamenti in arrivo). Sono loro, come sempre accade in questa società, a pagare sulla propria pelle il prezzo delle crisi endemiche del capitalismo, che sia nostrano o internazionale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'azienda non si vende, operai in allarme: 140 a rischio licenziamento

BresciaToday è in caricamento