Muore la moglie, lui si spegne pochi mesi dopo: addio all'imprenditore Aldo Comparoni

Si è spento a 85 anni Aldo Comparoni, storico patron dell'omonima azienda di Porzano di Leno. Meno di sei mesi fa era morta anche la moglie Giuseppina

La sede della Comparoni Aldo S.R.L

Era malato da tempo, non si è più ripreso dal giorno della morte di sua moglie: le sue condizioni sono peggiorate nelle ultime settimane, finché mercoledì non si è spento all'ospedale di Manerbio, dove era ricoverato. Aveva 85 anni Aldo Comparoni, titolare dell'omonima azienda che dal 1993 è operativa a Porzano di Leno.

E' morto a meno di sei mesi di distanza dal decesso della moglie Giuseppina Massari, da tutti conosciuta come Ileana: se n'era andata all'improvviso, nel giugno scorso, che non aveva ancora compiuto 80 anni. La morte della donna aveva sconvolto il marito, che più volte ai figli aveva detto di volerla riabbracciare, e in pochi mesi.

Erano in tantissimi venerdì mattina al suo funerale, celebrati nella chiesa abbaziale di Leno: lo piangono i figli Stefania e Carlo, i nipoti Mattia, Mariaclara, Elena e Sofia. Comparoni ha lasciato un ricordo indelebile nella sua comunità, e non solo.

L'azienda di famiglia

La sua azienda è stata fondata nel 1974 come ditta individuale: era specializzato nella produzione di cablaggi elettrici per motociclette. Una crescita senza sosta: nel 1984 il primo trasferimento, in Via Tito Speri a Leno, con la nascita della prima società in nome collettivo. Negli anni '90 l'azienda si trasferisce ancora, nella sede di oggi a Porzano di Leno: alla fine del 1996 la Elettrotecnica Comparoni ha modificato la sua ragione sociale in Comparoni Aldo srl.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo stabilimento bresciano si sviluppa per oltre 3000 metri quadri di capannoni coperti, in Via Nicolò Copernico: la famiglia possiede anche una fabbrica a Filipesti, in Romania. Il gruppo è specializzato nella produzione di cablaggi elettrici per motocicli, per antifurti, caldaie, macchine da caffè e macchine per calzifici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: in Lombardia 293 nuovi contagi, a Brescia altre 8 croci

  • Coronavirus: assalto per la movida, Del Bono costretto a chiudere Piazzale Arnaldo

  • Terribile schianto frontale, auto distrutte e 3 feriti: uno è grave al Civile

  • Brescia: tutte le attività commerciali aperte e che fanno consegna a domicilio

  • Si butta dalla finestra di casa, giovane uomo muore suicida

  • Terribile incidente: ciclista sbanda e muore schiacciato da un camion

Torna su
BresciaToday è in caricamento