Economia

Davide contro Golia... così la Index Europea arriva quasi all'epilogo

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

La Index Holding e la Index Europea sono fallite, mentre la Imel.eu è in liquidazione come da comunicato della Banca D'italia che si può leggere QUI. Facciamo il punto della situazione su ciò che è accaduto in questi anni e come finalmente si è giunti quasi all'epilogo di una storia che sembrava non avere mai fine.

La Index Holding e le sue associate in primis Index Europea, Imel.eu, Indexfin avevano creato negli anni (dal 2005 circa) un sistema di servizi digitali da fornire ai commercianti quali ricariche telefoniche, biglietti concerti, biglietti partite, pagamento bollettini, scommesse sportive, servizi postali ecc…il tutto con un esborso da parte del commercianti di circa 6000/7000 euro solo per avere la possibilità di aderire al loro sistema. I servizi spesso non funzionavano bene, senza contare quelli che invece venivano proposti ma che poi non sono mai partiti come ad esempio Italypost proposto in vari contratti ma poi in realtà il servizio non è mai esistito vedasi video denuncia QUI. A detta dell'amministratore unico delegato Caliandro Gabriele la società avrebbe stipulato oltre 23000 contratti (pensate quanti milioni di euro), ma molti commercianti che avrebbero stipulato i contratti già nel lontano 2006 avrebbero iniziato a lamentarsi sul sito dell'ADUC basta andare a leggere QUI.

C'erano anche molti altri siti e blog che parlavano della vicenda ma puntualmente venivano chiusi perché Caliandro Gabriele della Index Europea minacciava azioni legali contro quegli utenti che scrivevano contro le sue società, così gli utenti spaventati per non dover affrontare spese legali e processi chiudevano i loro siti o blog oppure capitava che gli stessi siti o blog su segnalazione della Index Europea provvedevano a chiudere gli account degli utenti.

Ma nel lontano 30 Giugno 2008 accade qualcosa che contribuirà fortemente nel portare fine a questa storia come fosse Davide contro Golia,infatti io Mule' Michele girovagando in rete trovai il forum dell'ADUC citato appunto prima, così iniziai a scrivere raccontando agli altri utenti anche la mia vicenda e dopo qualche settimana più precisamente dal 16 Luglio 2008 decisi di scrivere firmandomi con nome e cognome per dimostrare che ciò che scrivevo era la realtà dei fatti e nello scrivere menzionai in buona fede la parola "TRUFFA" così essendomi esposto con nome e cognome per la Index Europea fu facile risalire a me ed inviarmi subito una diffida legale per aver appunto menzionato la parola "TRUFFA", io feci rispondere dal mio legale ma da quel giorno decisi che sarei andato fino in fondo a questa storia per dimostrare cosa combinava la Index Europea, perché quando li contattavi per i servizi che non funzionavano non davano ascolto però per aver scritto la parola "TRUFFA" si facevano sentire eccome.

Così decisi di aprire vari siti e blog che parlavano di questa vicenda di cui alcuni a pagamento e di mia proprietà in modo che non potevano essere chiusi se non da un Giudice; così periodicamente la Index Europea mi chiamava in causa per diffamazione "avrò fatto circa 3 o 4 cause" ma non sono mai stato condannato in quanto in realtà io non ho mai diffamato perché ciò che scrivevo e dichiaravo lo facevo solo quando avevo le prove, però la fregatura era che i Giudici ogni volta compensavano le spese per cui pur non essendo colpevole mi trovavo a dovermi pagare le mie spese legali, però almeno i siti e blog rimasero tutti aperti per poter informare le persone.

Nell'arco di tempo di questi fatti ci fu un episodio alquanto strano in quanto sul sito dell'ADUC un giorno intervenne un utente che si spacciava per un commerciante contento dei servizi e si firmava con lo pseudomino "CHIARO" e iniziò a screditare ciò che scrivevamo noi commercianti ed iniziò così un diverbio tra me e lui dove lo stesso inziò ad insultarmi, comunque per farla breve era Caliandro Gabriele della Index Europea e potete leggere parte della storia QUI e invece QUI potete leggere quando è stato condannato per avermi insultato.

Nel corso del tempo ho fatto numerosi esposti e denunce (Guardia di Finanza, Consiglio Superiore della Magistratura, Capo dello Stato, Antitrust e Corte Europea per i diritti dell'uomo), nella speranza che qualcuno prima o poi decidesse di far luce su questa storia e cioè di contratti firmati dove era difficile rescindere e si era comunque obbligati a pagare anche se i servizi non funzionavano o addirittura non esistevano proprio. Anche alcune tra le trasmissioni più blasonate della TV furono contattate tra le quali Striscia la Notizia, Le Iene, Mi Manda Rai tre, Report, ecc… ma mai nessuno fece una puntata per smascherare cosa combinava la Index Europea e i canali Mediaset addirittura pubblicizzavano i servizi della Index Europea alcuni dei quali erano servizi che non erano neanche operativi; da notare una cosa molto importante, io insieme a Lara Salicini che riuscì ad avere un'appuntamento presso una famosa trasmissione di mediaset siamo stati nei loro studi dichiarando cosa combinavano e un personaggio famoso parlò addirittura al telefono con un ex collaboratore della Index Europea, tale telefonata fu fatta con il mio cellulare e la telefonata fu registrata potete ascoltare la telefonata QUI verso il minuto 2.48 "camuffata perchè agli atti di varie Procure della Repubblica", e non venne mai fatta una puntata denunciando cosa accadeva.

Nel frattempo la Carifin finanziaria che appoggiava la Index Europea nella stipula dei contratti decise di non fare più da finanziaria in quanto molti utenti in merito ai disservizi non pagavano più le rate, così la stessa finanziaria chiese a Dicembre del 2008 indietro alla Index Europea una parte dei finanziamenti erogati per un totale di 2.414.641,34 euro "soldi probabilmente mai restituiti; la Index Europea per poter continuare nella sua opera decise di aprirsi una sua finanziaria chiamata Indexfin per poter continuare a stipulare contratti legando così i commercianti ad un finanziamento difficile poi da rescindere, anzi la Index Europea successivamente cambiò anche i contratti specificando che il negoziante si impegnava all'acquisto di 150 kit del giocatore, altro non era che una carta di credito per poter aprire conti giocatore per le scommesse sportive che il negoziante pagava 44 euro a kit e da rivendere poi a 49,90 al cliente finale.

A Ottobre 2011 presentai denuncia alla Procura di Torino allegando molto materiale a mia disposizione per dimostrare cosa combinava la Index Europea tra cui il fatto che molti servizi proposti nei contratti non risultavano operativi eppure continuavano ad andare in giro a far firmare i contratti; fui poi chiamato dalla Procura di Torino a interrogatorio ma mi dissero che non potevo fare il paladino della giustizia in quanto molti dei servizi che non funzionavano e che avevo denunciato non rientrando nel mio contratto non potevo fare io la denuncia ma la dovevano fare i diretti interessati "cosa assurda ma vera"; visto che la Index Europea con le scommesse sportive in quel periodo non era operativa ma continuava non solo a proporre contratti ai commercianti ma anche ad attivare conti giocatore che però nel periodo che non erano operativi "luglio 2011 - giugno 2012" in realtà non venivano aperti conti giocatore per le scommesse ma veniva solo emessa una carta di credito al costo di 49,90 e cioè il costo del kit del giocatore, decisi così di presentare un'altra denuncia ma per fare ciò ero dovuto andare in una attività che aveva firmato il contratto con loro riguardo al kit del giocatore e andare ad attivare il tutto per farmi aprire un conto giocatore pur sapendo che non funzionava ma era per poter presentare la denuncia che a tutt'oggi è in atto e in fase d'indagine.

Nel periodo che la Index Europea non poteva erogare il servizio delle scommesse sportive, scrissi anche ad AAMS dei Monopoli di Stato chiedendo come mai la Index Europea continuava a fare contratti pur non avendo il servizio attivo, ma AAMS non solo non rispose mai alle mie raccomandate ma non prese mai provvedimenti e anch'esso fu segnalato nella denuncia con tanto di nomi e cognomi di persone coinvolte che sapevano, addirittura ad AAMS arrivarono segnalazioni di scommesse non pagate ai giocatori ma non fu mai revocata la licenza alla Index Europea, comunque potete vedere un altro video denuncia QUI.

Nel frattempo il 3 maggio 2012 con alcuni commercianti siamo riusciti a fare una piccola manifestazione davanti alla sede della Index Europea a Stezzano in provincia di Bergamo potete leggere parte della storia QUI dove successivamente in data 28 maggio 2012 il titolare della Index Europea durante una trattativa per email avvenuta successivamente dopo la manifestazione mi trae in inganno per potermi denunciare per estorsione, potete leggere il seguito QUI. La Index Europea e più nello specifico Caliandro Gabriele non riuscendo negli anni pur chiamandomi in causa più volte a mettermi a tacere nel divulgare cosa combinavano è arrivata a cercare di incastrarmi pensando di mettermi paura denunciandomi per un estorsione inventata, io invece sono diventato ancora più agguerrito per dimostrare cosa combinavano, infatti non ho mollato e ho continuano la battaglia, anzi proprio da dopo che è avvenuta la denuncia per estorsione che la Index Europea ha iniziato a decadere in quanto erano state presentate 50 denunce da parte del Comitato che era nato il giorno 3 maggio 2012 durante la manifestazione e di cui io sono stato chiamato più volte da varie Procure ad interrogatorio e poi soprattutto l'Antitrust ha contribuito a smascherare il tutto, infatti potete leggere quanto accaduto QUI e poi QUI.

Nel corso di tutta questa vicenda che va avanti da molti anni l'unica Testata Giornalistica che ha dato voce in capitolo a questa vicenda è stata BRESCIATODAY a cui va un ringranziamento per aver sempre pubblicato quanto da me denunciato.Ora si potrebbe pensare che la storia è giunta alla fine, ma non è così in quanto ci sono in Italia moltissime denunce in corso contro la Index Europea e contro Caliandro Gabriele sia civili che penali, bisognerà attendere la burocrazia italiana che impiega anni per fare Giustizia, nel frattempo ai 23.000 commercianti italiani raggirati in questi anni ora si vanno ad aggiungere circa 100.000 persone che avevano un conto corrente o carte di credito presso la Imel.eu, eppure io da anni vado scrivendo e dicendo di fare attenzione ma soprattutto ho sempre denunciato il tutto alle varie Procure che dovevano fermare per tempo questa catastrofe.

Quanto scritto sopra è parte della vicenda Index Europea, scriverla tutta nel dettaglio sarebbe impossibile in quanto sarebbe come scrivere un libro ma è giusto per dare un idea di cosa è successo e di cosa sicuramente dovrà ancora accadere. Ricordo che il canale Youtube linkato con i relativi video e il sito thedream.it compreso questo sito sono tutti di mia proprietà ed è il lavoro di anni di denunce e prove raccolte contro la Index Europea e tutte le società del gruppo Index Holding, il tutto si può divulgare senza censura purchè sia citata sempre la fonte di provenienza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Davide contro Golia... così la Index Europea arriva quasi all'epilogo

BresciaToday è in caricamento