Caffaro Brescia: dipendenti manifestano contro la chiusura

Cisl: "Noi non stiamo difendendo la Caffaro che ha inquinato ma la Caffaro oggi dà 60 posti di lavoro"

Aperta da uno striscione con l’appello a salvare lavoro e ambiente, si è svolta mercoledì mattina in via Milano una manifestazione dei lavoratori della Caffaro, azienda che l’attuale proprietà vorrebbe chiudere a causa – sostiene – dei costi eccessivi della bolletta energetica.

Chiude la Caffaro?
Una bomba ecologica pronta ad esplodere

I lavoratori hanno voluto sensibilizzare l’opinione pubblica sulla drammatica prospettiva della perdita dei posti di lavoro e dell’abbandono di un importante presidio ambientale a cui l’azienda è stata vincolata dall’accordo sindacale di due anni fa.

«Noi non stiamo difendendo la Caffaro che ha inquinato ma la Caffaro che non inquina e che oggi dà 60 posti di lavoro – commenta al Corriere Enzo Torri, Segretario generale della Cisl – Ripetiamo che i bilanci non sono affatto critici, c’è un prodotto di elevata qualità richiesto dal mercato e il funzionamento dell’azienda evita il disastro ambientale. Valutati tutti questi aspetti ci aspettiamo un intervento a livello governativo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Devi far sesso con me, ma voglio i soldi": si rifiuta, lei lo butta giù dalla finestra

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Emergenza coronavirus: scuole chiuse in tutta la Lombardia

  • Coronavirus, Lombardia 'blindata": scuole chiuse, bar e locali off limits dalle 18

  • Coronavirus in Lombardia: 100 persone a rischio, 70 vanno in quarantena

Torna su
BresciaToday è in caricamento