Mondo delle due ruote in lutto: chiude il Ducati Store

Saracinesche abbassate in via Carini a Brescia. Termina la 'dinastia' della famiglia Parini, iniziata cent'anni fa sul lago di Garda

Le moto del Ducati Store di Brescia (fonte: Facebook)

BRESCIA. Mondo delle due ruote in lutto: chiude il Ducati Store di via Carini. Il leggendario marchio era arrivato in città nel 1996 grazie al Alberto Parini, ultimo esponente di una lunga ‘dinastia’ che ha fatto della passione per i motori la propria ragione di vita.

Nel lontano 1904, infatti, nonno Enrico aprì una rimessa per la vendita e l’assistenza di barche a vapore e macchine agricole a Desenzano del Garda. Quattro anni dopo, fu invece la volta di via XX Settembre a Brescia, con il negozio di grande successo per la vendita di biciclette.

Le moto arriveranno invece con la fine della seconda guerra mondiale, quando si registrò il boom di scooter (Lambretta su tutti) e motorini. Il padre di Alberto, Eugenio, prese la concessione per Brescia della Moto Ceccato (assieme ai ciclomotori Peripoli) aprendo il negozio di via Calini.

Negli anni entrarono nell’attività i figli, Alberto e Enrico, e nel 1988 fu la volta delle auto Honda, scelte per l’affidabilità dei motori giapponesi testati proprio sui bolidi a due ruote. Infine nel 1996 arriva il marchio Ducati, vero e proprio culto di ogni centauro italiano. Dopo quasi cent’anni, tra mani sporche di grasso e rombi nelle orecchie, ora si abbassa anche l’ultima saracinesca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento