Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'inferno di fuoco è durato 18 ore: "Qualcuno ha appiccato l'incendio"

Tanta rabbia in Alto Garda per l'incendio probabilmente doloso che ha devastato oltre 20 ettari di bosco tra Tignale e Tremosine

 

Non ci sarebbero più dubbi ormai sull'origine dolosa dell'incendio che tra martedì e mercoledì ha devastato oltre 20 ettari di boschi sulle montagne sopra Tignale e Tremosine, lago di Garda, non lontano dalla Strada provinciale 38 nota come Tignalga: lo stato d'emergenza si è ufficialmente concluso nel pomeriggio, quando anche l'ultimo focolaio è stato domato. Ci sono volute quasi 8 ore per spegnere le fiamme, dall'alba al primo pomeriggio: l'incendio è invece andato avanti per circa 18 ore, divampato ancora in serata.

Aerei ed elicotteri in volo per spegnere le fiamme

In tanti sono rimasti a lungo con il naso all'insù per vedere cosa stesse succedendo, aspettando buone notizie e osservando il viavai degli operatori: nel corso della mattinata si sono mobilitati decine di uomini, tecnici e volontari dei Vigili del fuoco e non solo, con il supporto di aerei Canadair ed elicotteri Erickson avvistati più volte a raccogliere acqua dal lago, poi da trasportare in montagna dove sono state allestite anche due vasche di accumulo.

Distrutti oltre 20 ettari di bosco nella zona di Tignalga

L'epicentro dell'incendio sarebbe stato individuato a oltre 1.400 metri di altitudine, nel Parco Alto Garda Bresciano, nella zona di Tignalga: come detto almeno 20 ettari di bosco sono andati distrutti, un danno incalcolabile per il delicato ecosistema e la sua biodiversità. Con il supporto dei Vigili del fuoco, toccherà ora ai Carabinieri Forestali cercare di ricostruire nel dettaglio quanto accaduto. Dai primi accertamenti, ripetiamo, sembrerebbe certa l'origine dolosa del rogo.

Indagini in corso: l'ipotesi di un incendio doloso

Non ci sono stati eventi atmosferici tali da poter innescare l'incendio. E in attesa vengano probabilmente rinvenute tracce utili alle indagini, non si esclude che le fiamme – divampate appunto nella serata di martedì – non siano state innescate da più punti in contemporanea, a formare una sorta di semicerchio, altro elemento che confermerebbe la matrice dolosa. Gli accertamenti sono in corso. Non sarà facile.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BresciaToday è in caricamento