rotate-mobile
Coronavirus Cimbergo

La farmacista cambia idea e si vaccina: il negozio potrà riaprire

Il repentino cambio di idea della farmacista

Riapre i battenti la farmacia di Cimbergo. Il negozio era stato chiuso per tre giorni dall'Ats della Montagna: questo perché la titolare ad oggi aveva rifiutato di vaccinarsi. Ma il dietrofront è stato repentino, non appena l'autorità sanitaria ha imposto le serrande abbassate, come prevede la legge: è in vigore infatti dallo scorso aprile il decreto che prevede l'obbligo vaccinale per le professioni sanitarie, gli esercenti e gli operatori di interesse sanitario, farmacisti compresi.

La farmacia riapre dopo il vaccino

La farmacista reticente ha cambiato idea in fretta, e si sarebbe vaccinata proprio nel weekend. In attesa della buona nuova, l'Ats aveva disposto una chiusura temporanea per tre giorni, che dunque non è stata prorogata. La notizia aveva fatto immediatamente attivare i due Comuni coinvolti (la farmacia è a Cimbergo ma gestisce anche un dispensario a Paspardo), già pronti – si leggeva lunedì – “a provvedere con il volontariato a compensare questo servizio, se la situazione si dovesse protrarre”. Non ce n'è stato bisogno. Resta ancora chiusa, invece, la farmacia di Milzano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La farmacista cambia idea e si vaccina: il negozio potrà riaprire

BresciaToday è in caricamento