Trovato morto in casa il surfista gardesano Alberto Menegatti

Morto a soli 29 anni il surfista gardesano Alberto Menegatti, secondo classificato ai Mondiali del 2014, campione d'Italia per tre volte e pure campione d'Europa. Trovato senza vita nella sua casa di Tenerife

Saranno i risultati di un'autopsia già programmata a stabilire quale sia stata la causa del decesso di Alberto Menegatti, campione di windsurf originario dell’Alto Garda e che avrebbe dovuto compiere 30 anni il prossimo 4 aprile. Si trovava sulle isole Canarie, da circa un paio di mesi, a Tenerife per allenarsi: è stato trovato senza vita nel suo appartamento, sdraiato sul letto, dai compagni di squadra.

Un vero shock per gli amici e la famiglia, per chi stava con lui sulle Canarie, per chi lo conosceva in lungo e in largo sul lago di Garda. Era cresciuto a Torbole, si era fatto conoscere per primo a Campione per i suoi ‘numeri’. Forse il miglior windsurfer che l’Italia ricordi: un palmares di tutto rispetto, e addirittura un secondo posto ai campionati del mondo del 2014.

Oltre al glorioso piazzamento anche un titolo di campione d’Europa, tre campionati italiani e perfino un Mondiale, ma di categoria Juniores. Specialista nel funboard, era rimasto fermo qualche settimana a causa di un infortunio. Sarebbe stato colpito da un malore improvviso, mentre dormiva. Aveva soltanto 29 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento