menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un sindaco bresciano tra i più virtuosi d'Italia: "Sono un papà e un testone"

C'è anche Paolo Erba, primo cittadino di Malegno, tra gli 11 candidati al premio per il sindaco più virtuoso d'Italia: entro pochi giorni i risultati

C'è anche Paolo Erba, primo cittadino di Malegno, tra i papabili candidati al premio per il sindaco più virtuoso d'Italia: le votazioni si sono concluse il 15 novembre, tempo pochi giorni e sarà celebrato anche il vincitore. Il concorso è stato indetto (con voto online) dall'Associazione dei Comuni virtuosi, operativa da 15 anni sul territorio nazionale.

“Poco meno di undicimila voti in due settimane – si legge in una nota – un sacco di articoli sugli undici finalisti, una festa di messaggi per le donne e gli uomini che fanno i primi cittadini con la passione e la forza che li contraddistingue. Ora inizia lo spoglio: cercheremo di fare un po' meglio che negli Stati Uniti”.

La "corsa" del sindaco Paolo Erba

Il 42enne Paolo Erba era l'unico candidato bresciano tra gli undici sindaci arrivati in finale. E' sindaco dal 2014, e ama definirsi lo specialista del sociale, dell'educazione e dell'ambiente: “Nella vita vera faccio il papà e il pedagogista – spiega – soprattutto con i ragazzi delle medie della mia valle. Ho una passione spasmodica per Malegno, piccolo borgo alpino nel profondo Nord, alla periferia dell'Impero. Adoro comunicare e creare comunità. E sono testone come tutti i camuni, amo coltivare sogni cercando di renderli reali”.

Il premio ai sindaci più virtuosi d'Italia

Il premio, fanno sapere dall'Associazione dei Comuni virtuosi, vuole celebrare la figura dei sindaci come “avanguardie, avamposti di un mondo che potrà resistere perché già esistito, laddove esercitano una professione che è a tempo per natura: 5 anni come novanta minuti, tutti d'un fiato. Sono fuoriclasse, non c'è dubbio. Ma non giocano da soli: passano la palla, aspettano, si fanno forza nella forza degli altri, nel gioco di squadra”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia è zona arancione: tutte le regole in vigore da domani

Coronavirus

Dati sbagliati dalla metà di ottobre: così la Lombardia ha "sballato" i conti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento