Ristorante a picco sul lago chiuso da 25 anni: sta per riaprire la Casa della Trota

La notizia annunciata dagli stessi proprietari

Un'attesa lunga più di 20 anni: chiuso ormai dalla seconda metà degli anni Novanta, l'ex albergo e ristorante "Casa della Trota" potrebbe presto trovare nuova vita con un progetto di recupero che prevede 8 unità abitative come Rta (Residenza turistico-alberghiera), altre camere per l'alloggio temporaneo, la riapertura dello storico ristorante (aperto sia per gli ospiti della struttura che per i turisti in transito). Stiamo parlando di una delle location più suggestive del lago di Garda: tra Limone e Riva, in territorio di Ledro, in località Biacesa e a picco sul lago, a pochi passi dalla Strada del Ponale e presto raggiunta anche dalla futura ciclovia del Garda.

Chiuso da circa un quarto di secolo, per molti anni la Casa della Trota è stata anche vittima di incursioni sgradite, violazioni di proprietà privata e altro. La proprietà fa riferimento alla Ponale srl di Francesca Cicciarello ed Emanuele Lazzara, moglie e marito: è da quasi 20 anni che - tra richieste e progetti - tentano di ristrutturare e riaprire lo storico locale, che in passato ha ospitato vip del calibro di Fausto Coppi e Monica Vitti, perfino l'ex cancelliere tedesco Willy Brandt.

Il futuro della Casa della Trota

L'obiettivo è finalmente raggiunto, gongolano i proprietari: "In questo lungo cammino - si legge in un post pubblicato dalla Casa della Trota - sono state tante le difficoltà, ma tante anche le persone che abbiamo conosciuto e che ci hanno riempito di soddisfazione e di speranza. Per questo il nostro ringraziamento e la nostra stima vanno al sindaco di Ledro Renato Girardi, una persona lungimirante, onesta e di sani principi che ci ha sempre sostenuto in tutti questi anni. Un grazie anche all'Ufficio tecnico del Comune di Ledro per la professionalità e celerità, qualità non scontate in ambito pubblico. Ancora grazie e avanti tutta".

Il progetto sarà lo stesso che fu presentato nel 2018 (per due volte, con qualche modifica) e allora approvato dalla Comunità di Valle: la concessione edilizia rilasciata dal Comune di Ledro prevede l'avvio dei lavori entro due anni, e la conclusione degli stessi entro cinque anni, quindi per il 2030.

Si parla di

Video popolari

BresciaToday è in caricamento