Giovedì, 21 Ottobre 2021
Politica

La Lombardia dice no ai rifiuti delle altre regioni, Cattaneo: "Serve autosufficienza"

Lo ha detto l'assessore all'Ambiente e Clima della Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo.

La Regione Lombardia si è opposta fin dall'inizio all'articolo 35 del decreto Sblocca Italia, ritenendo che le previsioni introdotte avessero delle gravi ricadute sulla pianificazione regionale e sulla gestione regionale dello smaltimento dei rifiuti, proponendone anche l'impugnativa davanti la Corte Costituzionale, che ha poi respinto il ricorso". Lo ha detto l'assessore all'Ambiente e Clima della Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo, rispondendo a una mozione in Aula consigliare ad una mozione sul trattamento negli impianti lombardi di rifiuti provenienti da altre Regioni.

"La previsione della localizzazione degli impianti di incenerimento presenti sul territorio nazionale - ha sottolineato Cattaneo - e del relativo flusso di rifiuti è, attualmente, oggetto di disciplina nazionale, in forza del quale agli impianti di incenerimento dei rifiuti lombardi non è consentito rifiutare quanto proveniente da altre Regioni italiane che ammontano a 413 mila tonnellate all'anno". 

Cattaneo ha inoltre sottolineato la necessità di sollecitare "il Governo affinché tutte le Regioni italiane raggiungano l'autosufficienza per la gestione dell'intera filiera del rifiuto urbano e dei rifiuti decadenti dal trattamento dello stesso, anche attraverso la realizzazione, in tempi certi, degli adeguati impianti. In Lombardia la gestione dei rifiuti è già un modello virtuoso e i numeri ci dicono che siamo già sulla strada giusta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Lombardia dice no ai rifiuti delle altre regioni, Cattaneo: "Serve autosufficienza"

BresciaToday è in caricamento