Cina andata e ritorno: Artsana riporta la produzione in terra bresciana

L'azienda comasca che controlla, tra gli altri, Chicco e Prenatal, riporta in Italia linee di produzione che dieci anni fa vennero trasferite in Cina

Si scrive reshoring, si legge delocalizzazione al contrario. Il gruppo Artsana, marchio nato a Grandate in provincia di Como ed ora presente in tutto il mondo, con oltre 6.500 addetti impegnati in decine di siti produttivi, ha deciso di rafforzare la presenza nella nostra provincia riportandovi linee di produzione spostate dieci anni fa in Cina. 

L’azienda, che ha la proprietà di marchi quali Chicco, Prenatal, Lycia, Pic e Control, da molti anni lavora in un grande stabilimento a Verolanuova dove da poco hanno fatto ritorno linee di produzione strategiche. Come conseguenza di ciò, il numero di dipendenti impegnati nella Bassa ha recentemente toccato quota 220 contro i 130 del 2014.

Un dirigente del gruppo, sentito dal Giornale di Brescia dove è riportata la notizia, ha dichiarato che trasferire nuovamente in provincia di Brescia parte della produzione significa poter contare su maggiore qualità e sviluppo in ricerca più efficace. L'obiettivo di fondo è quello di valorizzare il Made in Italy, apprezzato in tutto il mondo e soprattutto nei mercati sui quali punta l'azienda, Europa e Stati Uniti.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento