Martedì, 26 Ottobre 2021
Economia Brescia 2 / Via Cefalonia

Carnevali, triste epilogo: marchi e negozi all'asta per 2,4 milioni di euro

Dopo anni di sofferenze finanziarie è davvero la fine: il 17 maggio prossimo il gruppo Carnevali mette all'asta i suoi storici negozi e gli altrettanto storici marchi

Continua il triste epilogo di Carnevali, in caduta libera ormai da anni e dichiarata fallita alla fine del 2017, con svendite e licenziamenti: adesso tutto quello che riguarda l'azienda finisce all'asta, e quindi tutti i marchi di proprietà, gli storici negozi che erano attivi in provincia (ma che non erano di proprietà, quindi nel bando di gara c'è un vincolo sul tema).

A gestire l'asta ormai programmata è direttamente il curatore fallimentare di Carnevali, Ferruccio Gasparini: le offerte possono essere presentate entro le 11 del prossimo 17 maggio. La base d'asta partirà da 2,413 milioni di euro: in caso la prima andasse deserta, sono previsti altri quattro “esperimenti” uno dopo l'altro, fino a un ribasso di 1 milione.

Ma cosa vende Carnevali? Innanzitutto i negozi, ormai ex punti vendita. Quello che era considerato il “quartier generale” della moda, in Via Cefalonia a Brescia, e poi la boutique allestita al Leone di Lonato, quella del centro commerciale Le Porte Franche di Erbusco.

Non solo: il “pacchetto” messo all'asta comprende anche gli storici marchi legati al gruppo Carnevali, e quindi tra i tanti Il Passatemo, Ana Blanca, Bethany B., Luca Bani, Nadira e Premium Outlet Carnevali. Altra asta, altra vendita: il 17 maggio sono attese offerte anche per la Brixiatrade, azienda specializzata nel commercio dei tessuti che il gruppo Carnevali controlla quasi al 100%.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carnevali, triste epilogo: marchi e negozi all'asta per 2,4 milioni di euro

BresciaToday è in caricamento