rotate-mobile
Ristrutturare

Come preparare le stanze e imbiancare casa

Dalla scelta delle pitture alla preparazione delle pareti: tutto quello che c'è da sapere per imbiancare casa con il fai da te

Tanta buona volontà, olio di gomito quanto basta, un po' di organizzazione e i prodotti giusti: è questo il mix perfetto di ingredienti per chi decide di imbiancare casa con il fai da te. E' di certo più economico che rivolgersi a un professionista, ma richiede tempo e appunto impegno: anche nella preparazione delle stanze, per evitare in primis di rovinare i mobili e poi per far sì di non dover ripetere le operazioni, causa qualche errore di troppo. Ma allora, che fare?

Prima di cominciare

In base alla tinteggiatura che vogliamo fare, ci sono due modi diversi di preparare l'ambiente: una copertura parziale, ovvero scegliamo solo di spostare i mobili e di coprire quelli che rimangono nella stanza; la copertura totale, ossia la copertura anche del pavimento e del battiscopa con cartone e teli. La prima formula è la più facile e veloce, ma si corre il rischio che le gocce di pittura possano irrimediabilmente macchiare il pavimento. Quindi pensateci bene.

Come preparare la stanza

Una volta presa la decisione, è ora di mettersi al lavoro. Per cominciare, spostiamo gli oggetti e i soprammobili, questi ultimi sistemati negli scatoloni così da essere facilmente reperibili quando avremo finito. Se ci sono mobili molto grandi e scomodi, senza trasferirli da una stanza all'altra (con il rischio, magari, di doverli smontare), possiamo spostarli verso il centro, così che siano abbastanza lontani dalla nostra area di lavoro. Infine, il muro: attenti a non dimenticare qualcosa, quadri, mensole o tende; andranno infine protetti gli interruttori (con del nastro carta), coperti gli stipiti e il battiscopa, infine scollegate le lampade a parete, o in casi particolari coprire i lampadari con un telo.

Come proteggere il pavimento

Per proteggere i pavimenti, invece, esistono vari materiali da utilizzare. Ricordiamoci di coprire ogni superficie con molta attenzione, per evitare che si sporchino con delle macchie di vernice (e quello sì che sarebbe un problema).

Tra i materiali più adatti, ricordiamo:

  • pezzame riciclato;
  • cartone sottile;
  • cartone ondulato;
  • teli di plastica sottili o rigidi.

Come scegliere la pittura

Anche scegliere e acquistare la pittura (e il colore giusto) non è cosa da poco: per comprare la giusta quantità sarà necessario calcolare i metri quadrati da imbiancare (escludendo le porte e le finestre) e moltiplicare tutto per due. Consiglio degli esperti: anche se le pareti non sono troppo rovinate, è sempre meglio dare due mani di pittura (così da avere un risultato più uniforme).

Quale pittura comprare

Le conquiste tecniche della modernità ci consentono di poter utilizzare vernici e pitture il più naturale possibili, dunque a basso tasso di inquinamento e soprattutto senza agenti chimici. Le più indicate potrebbero essere le cosiddette “idropitture”: sono prodotti a base di acqua, molto resistenti e con il vantaggio che se si dovessero sporcare, si possono ripulire anche senza perdere il colore.

Lotta dura alla muffa e all'umidità: in casi come questi, con una casa umida o in presenza di soggetti allergici e bambini, il consiglio è quello di puntare su una pittura anticondensa (o termoisolante). Sono prodotti composti anche da particelle di vetro, che riducono la formazione della condensa.

Come imbiancare

Se ci sono buchi sul muro meglio ripararli con lo stucco da stendere con una stecca. Una volta asciutto per livellarlo dovete passare più volte la carta vetrata così da ottenere una parete liscia. A questo punto dovete versare parte della vernice, circa un terzo, nel secchio. Molte tempere sono pronte all’uso, ma se per voi è troppo densa e quindi difficile da stendere potete allungarla con l’acqua, mescolare e iniziare ad utilizzarla subito, perché una volta diluita non può essere conservata.

Con la vernice pronta potete immergere il rullo all’interno e farlo sgocciolare sulla griglia in modo da eliminare il prodotto in eccesso. Lo stesso procedimento vale quando utilizzare la pennellessa negli angoli. Ora non dovete fare altro che stendere la pittura partendo dal soffitto formando delle strisce possibilmente dritte, per avere il colore uniforme una volta iniziata una parete meglio terminarla subito per evitare che si asciughi e avere zone con sfumature differenti. Infine, rifinite gli angoli e i profili con il pennello.

Una volta stesa la prima mano in tutta la stanza, per passare la seconda dovete attendere che la parete sia ben asciutta e ripetere l’operazione precedente. Può succedere che cadano delle gocce sui muri, per eliminarle potete passare la carta vetrata. A questo punto prima di togliere i teli dovete aspettare che la tempera sia del tutto asciutta, i tempi variano in base alla stagione e al tipo di vernice utilizzata.

Prodotti online

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come preparare le stanze e imbiancare casa

BresciaToday è in caricamento