rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Domotica

Perché scegliere il piano cottura a induzione

Cucina moderna o più tradizionale? Piano cottura a induzione o fornello a gas? In questa breve guida cercheremo di rispondere a tutte le vostre domande

Certo gli amanti della cottura tradizionale potrebbero ancora storcere il naso: ma è un dato di fatto che anche nelle cucine dei bresciani si stia diffondendo sempre di più il piano cottura ad induzione, in sostituzione dei più “classici” fornelli a gas. La caratteristica principale dell’induzione è la completa assenza di fuochi, che sono infatti sostituiti da una superficie (liscia e lucida, quindi facile da pulire) che si attiva creando un campo elettromagnetico, a sua volta azionato da un induttore (che si compone di una serie di bobine alimentate dall'elettricità).

Il campo che si forma crea delle correnti elettriche all’interno della pentola, chiamate “correnti di Foucault”, dal nome del fisico francese Bernand Leon Foucault che per primo scoprì il fenomeno, nell’ormai lontano 1851. Grazie a queste correnti l’energia diventa calore, rimanendo però limitato al diametro della pentola. Per gli indecisi, vediamo allora quali sono i vantaggi e gli svantaggi di questa soluzione.

Vantaggi del piano a induzione

Il piano cottura, come detto, viene scelto non solo per il suo design, ma anche per i suo vantaggi, ecco i principali:

  • sicurezza: perfetto se in casa ci sono bambini, l’assenza di fiamme fa si che i piccoli non corrano alcun pericolo. Inoltre, il calore limitato al perimetro della pentola, evita il rischio di scottarsi;
  • pulizia: facile e veloce, bisogna aspettare che il piano si raffreddi, ma il rischio delle incrostazioni intorno al fornello è basso;
  • velocità: quando si ha poco tempo per il pranzo o la cena, avere un fornello che riscaldi o porti a bollire l’acqua in pochi minuti è essenziale. Con il piano cottura ad induzione l’attesa è ridotta la minimo;
  • nessun pericolo di fughe di gas: i fornelli si basano sull’energia elettrica, per questo non c’è il pericolo di fughe di gas. Inoltre, non si devono praticare nel muro fori che potrebbero mettere in pericolo l’isolamento termico della stanza;
  • controllo temperatura: grazie al display digitale controllare la temperatura è semplice ed estremamente preciso per adattarsi ad ogni tipo di cibo;
  • costi in bolletta: anche se funziona ad energia, rispetto a quello a gas i tempi sono ridotti e quindi i consumi minori.

Svantaggi del piano a induzione

I vantaggi del piano cottura ad induzione sono diversi, ma hanno anche degli svantaggi legati soprattutto ai costi. Vediamo i punti deboli:

  • costo del piano cottura: rispetto a quello a gas, questo ha un costo più elevato;
  • aumento della potenza elettrica: molte cucine di questo tipo se usano più fornelli contemporaneamente hanno un elevato consumo di energia, quindi per usarli senza problemi, meglio chiedere l’adeguamento della fornitura di potenza;
  • pentole speciali: a causa del meccanismo che si basa sul campo elettromagnetico, le pentole normali non sono adatte. Bisogna scegliere quelle ad alto contenuto ferroso, per essere sicuri potete provare con una calamita e se questa si attacca al fondo allora è quella giusta.

Prodotti online

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perché scegliere il piano cottura a induzione

BresciaToday è in caricamento