Venerdì, 18 Giugno 2021
Sport

Atalanta travolta, Juventus alla nona vittoria di fila

Quattro gol con Pogba e Llorente protagonisti stendono la squadra di Colantuono. I bianconeri restano soli a +5 in vetta alla classifica

Colantuono, coach dell'Atalanta

A Bergamo si interrompe l'imbattibilità di Buffon (dopo 745', raggiunto Marchegiani al sesto posto), non la corsa record della Juventus. I bianconeri fanno festa, battono 4-1 l'Atalanta centrando così la nona vittoria consecutiva e mantenendo i cinque punti di distacco sulla Roma che dopo le feste si presenterà a Torino.

 

Gli eroi di giornata si chiamano Pogba e Llorente, capaci di fare la differenza nel secondo tempo e non solo per i gol che cancellano le illusioni dei padroni di casa, bravi ad agguantare il pari dopo il gol lampo di Tevez, ma alla lunga impotenti di fronte alla prova di forza della squadra bianconera. Il centravanti e il giovane francese catalizzano il gioco di Conte, esaltandone gli schemi con personalità e doti tecniche.

Il successo netto di Bergamo allontana definitivamente le ombre di Champions: la Juve ha reagito all'eliminazione gettandosi con ancora più ardore nel campionato. Il rischio è che adesso per gli altri restino solo le briciole. Conte si affida al solito 3-5-2 e manda in campo tutti i titolarissimi tranne l'infortunato Pirlo. Davanti alla difesa si piazza Marchisio, mentre Pogba gioca da mezzala sinistra. Colantuono non rinnega il 4-4-1-1 e schiera sulla destra i recuperati Raimondi e Bonaventura.

I bianconeri passano subito in vantaggio con il solito Tevez. Carlitos controlla al limite e scarica un destro velenoso che batte Consigli in diagonale: Juve in vantaggio già al 6'. Ma l'Atalanta non si spaventa e al 15' interrompe l'imbattibilità di Buffon. Bonaventura scivola via sulla destra approfittando di un pasticcio di Pogba, arriva sul fondo e mette dietro per Moralez, che prende la mira e infila l'angolo basso più lontano: 1-1.

La Juve accusa il colpo e si accartoccia su se stessa, lasciando l'iniziativa ai bergamaschi. Superato lo choc la squadra di Conte riprende a premere, senza tuttavia creare granché. Fino al 41', quando Pogba lancia Tevez in profondità. L'argentino punta Consigli, ma il portiere non abbocca alla finta e smanaccia via il pallone. Il raddoppio arriva comunque a inizio ripresa. Llorente crea il varco per l' inserimento di Pogba, che mette dentro con tocco morbido e preciso. Il francese ci riprova al 55', quando fa partire dal limite una botta che sfiora il palo dopo una deviazione.

I bianconeri insistono alla ricerca del tris, l'Atalanta si fa schiacciare. Al 65' Marchisio mette alto l'assist di Llorente, sempre più fulcro della manovra offensiva juventina. Colantuono rompe gli indugi e per spezzare l'assedio affianca Livaja a Denis. Ma è la Juve a colpire di nuovo, proprio con Llorente. Lo spagnolo scatta sul lancio di Chiellini, si libera con eleganza di Migliaccio e poi batte Consigli di precisione. Partita chiusa al 75'. Passano quattro minuti e la Juve dilaga. Palla dentro di Lichsteiner, Vidal si avventa come un falco sul secondo palo e fa 4-1. L'Atalanta prova a rendere la sconfitta meno amara, ma Buffon è ben piazzato sul destro di Denis all'87'. E' il primo tiro in porta del centravanti, fatto che la dice lunga sulla tenuta della difesa bianconera.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Atalanta travolta, Juventus alla nona vittoria di fila

BresciaToday è in caricamento