Ex Ottaviani: pericolo per i pedoni, ordinata la messa in sicureza

Ordinanza urgente del sindaco Del Bono contro la proprietà: facciata da sistemare "entro dieci giorni dalla notifica dell'atto"

Locali in stato di abbandono nella ex caserma Ottaviani

BRESCIA. Il sindaco Emilio Del Bono ha emesso un’ordinanza urgente nella quale ingiunge ai proprietari dell’ex caserma Ottaviani, al civico 53 di via Tartaglia, di provvedere a sistemare e a mettere in sicurezza l’edificio “entro dieci giorni dalla notifica dell’atto”.

Il 22 maggio 2011, il Comune aveva chiesto di effettuare alcuni lavori per eliminare le condizioni di pericolo per i pedoni che transitano in via Tartaglia e in via Montebello. Da un sopralluogo effettuato dai tecnici comunali, il 4 febbraio è emerso che gli interventi richiesti erano stati realizzati soltanto parzialmente.

Inoltre, rispetto a quattro anni fa, si sono aggiunte altre situazioni di degrado. Materiale di risulta è accatastato sul marciapiede, alcuni pannelli di legno che rivestono la base del ponteggio sono fradici e in procinto di staccarsi, gli intonaci della facciata risultano ancora più degradati e a rischio di crollo.

Pertanto, dato che sussiste ancora pericolo per il transito pedonale, il sindaco ha ordinato ai proprietari di pulire e riordinare la facciata, rimuovendo il materiale accatastato sul marciapiede. Tutte le operazioni dovranno avvenire nel rispetto delle norme di sicurezza e dovranno essere precedute “da opere di presidio della pubblica incolumità”, ovvero staccionate e mantovane di protezione, “da eseguirsi immediatamente”.

Nel caso in cui la proprietà non adempia agli obblighi, il settore "Manutenzione edifici pubblici" del Comune eseguirà direttamente i lavori con procedura d’urgenza, addebitando poi le spese ai proprietari che rischiano inoltre ulteriori sanzioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutta la Lombardia zona rossa fino al 27 novembre: poi cosa succede

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Covid: 10 morti e 256 positivi, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Oggi conferenza Stato-Regioni: si spera per Brescia zona arancione

Torna su
BresciaToday è in caricamento