Economia

Rovato: 1400 pazienti ricoverati (nel 2014) con la Fondazione don Gnocchi

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

1.400 ricoveri annuali, oltre 17.300 assistiti al poliambulatorio specialistico e 140 pazienti seguiti in assistenza domiciliare integrata: questi sono solo alcuni dei dati relativi all'anno 2014 che testimoniano l'impegno e le attività della Fondazione Don Gnocchi presso il Centro Spalenza-Don Gnocchi di Rovato (BS).

Attivo sul territorio dal 2006, il Centro rappresenta il risultato di una sperimentazione gestionale - pubblico/privato - tra l'Azienda Ospedaliera "Mellino Mellini" di Chiari e la Fondazione Don Gnocchi. La struttura è un punto di riferimento per i servizi di riabilitazione specialistica neurologica, cardiologica, pneumologica, ortopedica, e di riabilitazione generale e geriatrica, ed ha rafforzato la sua presenza nell'area bresciana anche grazie alla realizzazione della Casa-vacanza per disabili e anziani di Pozzolengo.

"Il Centro accoglie anche pazienti con gravi cerebrolesioni acquisite garantendo una presa in carico multidisciplinare. 11.300 sono i pazienti che hanno usufruito di esami radiologici e 23.000 le prestazioni ambulatoriali extraospedaliere erogate nell'anno 2014.

A sostegno delle proprie attività, la Fondazione Don Gnocchi per il 2015 ha lanciato una nuova campagna, Movimenti di Vita, secondo cui la disabilità e, in generale, la malattia non devono essere vissute come limite alle possibilità di vita, ma come un elemento della vita stessa della persona e di chi è chiamato ad assisterla. La Fondazione Don Gnocchi chiede a tutti di partecipare con il proprio movimento a sostegno della vita: questo il senso dell'iniziativa che invita a sostenere ricerca, cura e innovazione attraverso la firma del 5x1000.

Per informazioni: www.movimentidivita.it

Fondazione Don Gnocchi

Istituita nel secondo dopoguerra da don Carlo Gnocchi - oggi beato - per assicurare cura, riabilitazione e integrazione sociale a mutilatini e poliomielitici, la Fondazione Don Gnocchi ha progressivamente ampliato negli anni il proprio raggio d'azione.

Oggi continua ad occuparsi di ragazzi portatori di handicap, affetti da complesse patologie acquisite e congenite; di pazienti di ogni età che necessitano di interventi riabilitativi neurologici, ortopedici, cardiologici e respiratori; di malati di Alzheimer, Parkinson, sclerosi multipla, sclerosi laterale amiotrofica e altre gravi malattie invalidanti; di assistenza ad anziani non autosufficienti, malati oncologici terminali e pazienti in stato vegetativo persistente. Intensa, oltre a quella sanitario-riabilitativa, socio-assistenziale e socio-educativa, è l'attività di ricerca scientificae di formazione ai più diversi livelli.

Riconosciuta Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS), la Fondazione Don Gnocchi conta oltre 5000 operatori tra personale dipendente e collaboratori professionali. Le prestazioni sono erogate in regime di accreditamento con il Servizio Sanitario Nazionale in 28 Centri in nove regioni, con 3.696 posti letto di degenza piena e day hospital, per quasi 10 mila persone curate o assistite in media ogni giorno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rovato: 1400 pazienti ricoverati (nel 2014) con la Fondazione don Gnocchi

BresciaToday è in caricamento