Il Consorzio Valtenesi celebra il suo record: 1000 ettari di vigne e 4,6 milioni di bottiglie

Presentati a Brescia i dati del Consorzio Valtenesi, con sede a Puegnago del Garda: nel 2018 prodotte 4,6 milioni di bottiglie, il fatturato aggregato sfiora i 23 milioni di euro

Il Consorzio Valtenesi celebra un'annata da record, che conferma la crescita inarrestabile degli ultimi anni, e rilancia le sfide in arrivo nel 2019: la prima su tutte sarà il déblocage di San Valentino, l'anteprima ufficiale del Chiaretto 2018 in programma giovedì 14 febbraio al Museo Diocesano di Brescia. Il millesimo dello scorso anno, come da disciplinare, sarà infatti “liberato” sul mercato a partire dal giorno di San Valentino.

I numeri del Consorzio

E intanto proprio da Brescia, solo pochi giorni fa all'osteria La Grotta, il presidente del Consorzio Alessandro Luzzago ha annunciato le “sinergie in rosa” per un 2019 di “nuovi successi”. A cominciare dai numeri: sono 96 gli associati da Villanuova a Lonato, da Salò a San Martino. Tutti insieme valgono una produzione certificata di 4,6 milioni di bottiglie, con un fatturato aggregato (e stimato) in circa 23 milioni di euro.

“Obiettivo primario rimane la ricerca a tutto campo di sinergie – si legge in una nota del Consorzio – come il Patto di promozione unitaria sottoscritto lo scorso anno con i consorzi di tutela di quattro grandi rosati Doc italiani da uve autoctone, il Chiaretto di Bardolino, il Cerasuolo d'Abruzzo, il Castel Del Monte e il Salice Salentino dalla Puglia”. Una collaborazione che si è ampliata a fine anno con l'ingresso del consorzio del Cirò, in occasione del Merano Wine Festival.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un grande progetto italiano

E non finisce qui: il 31 gennaio scorso a Roma il presidente Luzzago ha inaugurato la lunga stagione dei lavori per dare vita all'Istituto del Vino Rosa Italiano. “Un progetto – spiega Luzzago – che auspichiamo finalizzato non solo alla mera attività promozionale, quanto a un'autentica crescita culturale e alla ricerca sulla tradizione dei grandi rosati italiani”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo focolaio bresciano: positivi 15 ragazzi, sono tutti in isolamento

  • Uccide una bimba travolgendola sulle strisce: padre di famiglia in manette

  • Tragico schianto sulla 45bis: auto schiacciata da un camion, morto il conducente

  • Animatore del grest positivo al coronavirus, bambini e ragazzi in isolamento

  • Tetti distrutti, auto schiacciate dagli alberi: i 20 minuti d'inferno della tempesta

  • Cadavere in montagna: risolto il 'mistero' dell'escursionista trovato morto

Torna su
BresciaToday è in caricamento