La furia del Coronavirus in tre case di riposo: oltre 80 morti in un mese

Nelle case di riposo un dramma senza fine: a Chiari, Coccaglio e Quinzano morti più di 80 anziani in meno di un mese

Quinzano, casa di riposo Villa Padovani

Non ci sono altre parole per definirla, è una strage: nemmeno più così silenziosa, perché il rumore del dolore che porta con sé si è fatto fortissimo, quasi assordante. E’ anche una strage nella solitudine: gli anziani per via dell’emergenza sono isolati e non possono vedere o sentire i propri familiari se non a distanza, con le tradizionali telefonate o le più moderne videochiamate.

Purtroppo è uno degli effetti collaterali più drammatici dell’epidemia da Covid-19, che colpisce le persone più fragili: appunto, i nostri anziani. Bastano pochi e tragici esempi per rendere l’idea della furia del Coronavirus nei confronti della popolazione più debole. Nella casa di riposo di Coccaglio si sono già registrati 24 decessi, anche se ad oggi sono solo cinque quelli accertati per Coronavirus: tra questi anche le tre sorelle Tedeschi, morte nello stesso giorno.

Più di 60 morti tra Chiari e Quinzano

E’ tristemente nota la vicenda della casa di riposo di Quinzano d’Oglio: gli ultimi aggiornamenti confermano 33 decessi dall’inizio dell’epidemia, ben più di un ospite su tre (erano circa 80, quando tutto è cominciato). Su 70 dipendenti ben 15 sono risultati positivi dopo il tampone per il Covid-19. Per rendere l’idea della situazione, il salone della struttura – dove solitamente si svolgevano attività e laboratori – è stato trasformato in una camera ardente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non da meno il caso della casa di riposo Pietro Cadeo di Chiari: qui nell’ultimo mese sono già morti 30 ospiti, un quinto del totale (erano 150). Tutto si complica, nel pieno dell’emergenza: dei circa 130 dipendenti operativi nella struttura, almeno una ventina sono a casa (per malattia o altro). Anche per questo si cercano nuove figure: gli interessati possono contattare direttamente la residenza scrivendo una mail a info@istitutopietrocadeo.it
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto nella notte, gravissimi tre ragazzi: uno è stato sbalzato fuori dall'abitacolo

  • Lombardia, la nuova ordinanza: via la mascherina all'aperto

  • Tetti distrutti, auto schiacciate dagli alberi: i 20 minuti d'inferno della tempesta

  • Ubriaco al volante dell'auto, scappa dalla polizia ma finisce la benzina

  • Coronavirus, nuova allerta: ragazzo positivo al grest, tamponi e isolamento per tutti

  • Coronavirus, firmato il nuovo Dpcm: tutte le novità fino al 31 luglio

Torna su
BresciaToday è in caricamento