Lunedì, 20 Settembre 2021
Scuola Via Milano / Via Luigi Bazoli

Sport e scuola: "Donnarumma ha sbagliato, quell'esame doveva farlo"

Intervista a Giorgio Lamberti, l'ultima grande icona del nuoto bresciano

Giorgio Lamberti (web)

Certo non bisogna cominciare dal liceo: “Quando un ragazzo va alle superiori ha già maturato la sua mentalità, ha già capito (più o meno) quello che vuole fare, dove può e dove non può arrivare. Ma lo sport dovrebbe accompagnare i nostri figli almeno fin dai primi anni di scuola. E qui entrano in gioco i genitori. Tutto ha un’origine: tutto comincia da come la famiglia progetta il futuro dei propri figli, da quanto tempo decide di dedicare a loro piuttosto che chiuderli in camera, o addormentarli davanti alla televisione o allo smartphone. Oggi è più difficile, ci sono ostacoli nuovi. E allora pensiamola così: avvicinare i piccoli allo sport significa responsabilizzarli, abituarli al sacrificio, al rispetto delle regole, a comprendere cosa significa vincere e cosa significa perdere”.

Tutto comincia da casa, ma non solo: “Con lo sport ci diverte, s’impara. Ma soprattutto con lo sport si sta bene. E una società civile che investe in attività motoria prepara le nuove generazioni ad avere meno patologie. Non c’è tempo da perdere: in Italia abbiamo il triste record di obesità infantile, siamo i peggiori d’Europa”. Ma a volte è pure un problema culturale. “Penso al caso Donnarumma. Secondo me è stata una cosa mortificante, un ragazzo che è già una star che decide di andarsene in vacanza a 48 ore dagli esami. Questo è mancare di rispetto, e non solo ai suoi genitori ma a una generazione intera. Quando è successo, e quando i miei figli mi hanno chiesto di parlarne, da papà mi sono sentito mortificato. Hai 18 anni, ma sei già un esempio. E il peso di ogni tua scelta porta con sé un messaggio importantissimo. Sei piccolo, ma sei già grande: hai una responsabilità. Secondo me ha perso un’occasione, perché quella responsabilità vale più di tutti i milioni del mondo. E’ grazie a quella responsabilità che puoi diventare immortale. Li ho vissuti anch’io, quei momenti: la scuola, le gare, nel 1988 c'erano le olimpiadi. Non dico di essere stato migliore di nessuno, assolutamente. Ma Donnarumma facendo così ha sprecato una grande occasione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sport e scuola: "Donnarumma ha sbagliato, quell'esame doveva farlo"

BresciaToday è in caricamento