Asili nido e scuole per l’infanzia: chiesti al Governo 100 euro per bambino

Lombardia: una lettera di Attilio Fontana per chiedere al Governo sostegno e contributi per gli oltre 1.500 asili e scuole dell’infanzia paritarie

Una lettera al Governo, a firma del presidente Attilio Fontana, in cui Regione Lombardia chiede un contributo pari a 100 euro al mese per ciascun bambino iscritto agli asili nido e ai servizi dell’infanzia lombardi: lo ha reso noto proprio il Pirellone solo poche ore fa. “Ribadiamo l’importanza di una considerazione attenta verso i servizi per l’infanzia – scrive Fontana – in quanto capisaldi per la tenuta e la crescita delle famiglie, e indirettamente delle attività produttive”.

La lettera, di “proposte e richieste”, è stata inviata direttamente al ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca Lucia Azzolina, “a sostegno degli asili nido e delle strutture accreditate e parificate dedicate all’infanzia”. Questo tipo di strutture, spiega l’assessore regionale alla Famiglia Silvia Piani, “costituiscono il 70% dell’offerta complessiva in Lombardia e la loro sopravvivenza è cruciale: per questo abbiamo proposto al Governo di predisporre degli aiuti straordinari”.

100 euro per ciascun bambino a decorrere dal 5 marzo

“Nel dettaglio – ha aggiunto l’assessore regionale alle Politiche sociali Stefano Bolognini – abbiamo chiesto un contributo straordinario una tantum pari a 100 euro al mese per bambino, a decorrere dal 5 marzo scorso e per il perdurare di tutto il periodo dell’emergenza sanitaria, da erogarsi a tutte le strutture della rete della prima infanzia: nidi, servizi integrativi, servizi educativi domiciliari, sezioni primavera, scuole per l’infanzia parificate e accreditate. Oltre alla garanzia della detraibilità delle rette pagate dalle famiglie ai servizi per la prima infanzia maturate a decorrere dal 5 marzo scorso”.

In tutta la regione più di 1.500 asili e micronidi privati

Sono più di 1.500 in tutta la regione gli asili e i micronidi privati: anche queste realtà potranno accedere agli strumenti che il Pirellone sta mettendo in campo a favore delle micro e piccole imprese, per assicurare un accesso celere e a costo zero al credito e poter disporre di immediata liquidità. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Inoltre – conclude l’assessore regionale all’Istruzione Melania Rizzoli – abbiamo chiesto al Governo anche l’anticipazione del riparto delle risorse del sistema integrato di educazione e istruzione da 0 a 6 anni, in modo che l’annualità 2020 arrivi in maniera celere, dal momento che la situazione è particolarmente critica, e non alla fine dell’anno, rendendo possibile una puntuale programmazione per contribuire al sostegno e allo sviluppo della rete”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brescia: corsi di formazione regionali 2020

  • Coronavirus: "punti tampone" per studenti e insegnanti in provincia di Brescia

  • Test sierologici per la scuola: in Lombardia 4.528 positivi, quasi il 5%

  • Università, si riparte: una app per partecipare alle lezioni in aula

  • Ritorno a scuola: definito il “Piano anti-Covid” per gli istituti bresciani

  • Covid a scuola: cosa devono fare compagni e familiari dello studente contagiato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento