Sabato, 25 Settembre 2021
Scuola

700 anni senza Dante Alighieri: anche a Brescia si celebra il Dantedì

Appuntamento giovedì 25 marzo in tutta Italia: anche Brescia si prepara a celebrare il Dantedì nel settecentesimo anniversario della morte del Sommo Poeta

Settecento anni senza Dante Alighieri, il Sommo Poeta: quest'anno il Dantedì sarà ancora più speciale, nel settecentesimo anniversario della sua morte (il 14 settembre del 1321). Appuntamento in tutta Italia il 25 marzo: è questa la data che gli studiosi riconoscono come inizio del viaggio nell'aldilà della Divina Commedia, e che dal 2020 – istituita dal Consiglio dei ministri su proposta del ministro Dario Franceschini – viene celebrata come Giornata nazionale di Dante. 

Per l'occasione saranno organizzate iniziative in tutta Italia, anche se a distanza causa emergenza sanitaria: tra queste oltre un centinaio sono sostenute dal Comitato nazionale per le celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Dante, presieduto da Carlo Ossola. Solo per citarne alcune: l'esposizione della serie integrale delle illustrazioni della Divina Commedia di Francesco Scaramuzza al Complesso della Pilotta a Parma, la mostra sull'immaginario dantesco nell'opera di artisti antichi e moderni ai Musei di San Domenico a Forlì, l'esposizione sull'Inferno alle Scuderie del Quirinale (curata da Jean Claire), il mito di Verona tra Dante e Shakespeare al Palazzo scaligero della Ragione.

Le iniziative in realtà si protraggono da un paio d'anni, e continueranno ancora. Per avere un'idea degli eventi in programma, quelli estemporanei e quelli a lunga durata, magari da vedere quando saremo in zona gialla o addirittura bianca, è possibile consultare sia il sito web del Comitato nazionale che quello del Ministero dei Beni culturali. Non manca poi il ricco programma di iniziative promosse nelle tre città dantesche: Firenze, Ravenna e Verona.

SicComeDante: un video per celebrare il Sommo Poeta

Chiaro che i riflettori sono tutti puntati sulla scuola, sulle iniziative organizzate da e per i ragazzi e gli studenti, insomma coloro che dovrebbero essere i primi fruitori della meraviglia dantesca, Divina Commedia, Beatrice e non solo. A loro in particolare è rivolta l'iniziativa bresciana di SicComeDante, un progetto nato un anno fa in vista del primo Dantedì, in pieno lockdown, con l'obiettivo di “togliere Dante dal piedistallo e renderlo accessibile a tutti”.
Per questo ogni settimana il sodalizio pubblica un podcast narrativo, una sorta di Divina Commedia canto per canto: proprio in occasione del prossimo Dantedì, il 25 marzo, inizierà a pubblicare i canti del Paradiso. Con una sorpresa: una speciale “sigla d'apertura”, una canzone ad hoc dal rapper (bresciano) Resho. Ma sempre per il Dantedì, SicComeDante rilancia l'invito a partecipare a una raccolta di video autoprodotti in cui chiunque può riprendersi per rispondere alla fatidica domanda: “Cosa significa Dante per me?”. 

I video (massimo un minuto) possono essere inviati a info@siccomedante.it oppure caricati direttamente sulla pagina bit.ly/DantePerMe. Consigli per cineasti: registrare il video in orizzontale, illuminando il video con una buona luce (e attenzione all'audio: si deve sentire bene). I filmati saranno poi pubblicati sul sito e sui canali social di SicComeDante (e partner), primo passo di una futura rielaborazione che porterà alla produzione di un unico lungometraggio, proiettato al pubblico la sera del 14 settembre (anniversario della morte di Dante).

Le altre iniziative a Brescia e provincia

La Divina Commedia il 25 marzo arriverà anche in metropolitana a Brescia. E' infatti in programma l'evento sonoro “Dante on air”: all'interno delle stazioni verranno trasmesse alcune brevi letture dei canti più belli della Divina Commedia. A declamare i versi dell'opera sarà la voce di Vittorio Sermonti, celebre scrittore e studioso nonché uno dei più importanti “dantisti” che l'Italia abbia mai conosciuto. In pratica, saranno delle “pillole” di 2 o 3 minuti tratte dal Paradiso, dal Purgatorio e dall'Inferno: verranno trasmesse dagli altoparlanti di tutte le stazioni della metro dalle 8 alle 20, a intervalli di 15 minuti.

A decine le iniziative programmate anche nel resto della provincia. Sulla sponda bresciana del lago di Garda impossibile non citare San Felice: è qui che il Filmfestival del Garda, in programma (online) dal 29 maggio al 2 giugno e poi (forse) in presenza in estate, dedicherà proprio a Dante e al suo “Visibile parlare” la quattordicesima edizione della rassegna. Il 25 marzo, invece, scenderà in campo direttamente il Comune: in collaborazione con la scuola media Angelo Zanelli, gli insegnanti e gli alunni dedicheranno delle letture ad alcuni brani della Divina Commedia, poi visibili dal portale istituzionale del municipio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

700 anni senza Dante Alighieri: anche a Brescia si celebra il Dantedì

BresciaToday è in caricamento