"Patente d'immunità pura fantasia, si può restare positivi al Covid per mesi"

Le parole di Andrea Crisanti, direttore del Laboratorio di microbiologia e virologia dell'Azienda ospedaliera di Padova

Andrea Crisanti, direttore del Laboratorio di microbiologia e virologia dell'Azienda ospedaliera di Padova (fonte: rainews.it)

“Non se ne parla nemmeno del patentino immunologico, è un fantasia. Non ci sono le basi scientifiche, non esiste nessun dato scientifico che possa sostenerlo, non esiste nessuna prova che le persone che hanno anticorpi siano coperte e se lo sono non sappiano per quanto tempo, perché il livello di anticorpi cambia nel tempo, non c’è nessuna certezza. Questo è stato un elemento di grande confusione”.

A parlare, in un'intervista rilasciata all'agenzia askanews.it, è Andrea Crisanti, direttore del Laboratorio di microbiologia e virologia dell'Azienda ospedaliera di Padova nonché "padre" del modello Veneto, la regione che sin qui è riuscita meglio a contenere la pandemia, grazia alla strategia di sigillatura dei focolai e dei tamponi a tappeto di tutte le persone al suo interno, nonché del personale presente negli ospedali.

Parlando invece del vaccino, Crisanti spiega che non è detto che si arrivi a produrlo, facendo presente il caso dell'Hiv, per il quale - nonostante l'ottimismo iniziale - non è mai stato trovato. Tornando poi sull'immunità da Covid, aggiunge: "Non esiste prova che l’immunità sia protettiva, non esiste prova che le persone che hanno anticorpi siano protette, e se lo sono ovviamente non si sa per quanto tempo”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I livello di anticorpi cambia infatti nel tempo, quindi non si conosce - allo stato attuale - quanto a lungo qualcuno possa restare protetto. Nella sua intervista a askanews.it, il virologo fa inoltre notare che “l’unica cosa che sappiamo è che le persone possono rimanere ammalate e positive al virus per mesi e questa non è una buona notizia, perché in genere gli anticorpi vengono prodotti nelle prime 3-4 settimane e allora ci si pone la domanda: ma perché se gli anticorpi vengono prodotti normalmente durante le prime 3-4 settimane, abbiamo persone che rimangono positive per 7-8 settimane? Iniziamo a porci le domande giuste, invece di alimentare speranze. Nella scienza la cosa più importante è la domanda da porsi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ha aperto il nuovo ipermercato: un maxi-store da 5.788 mq (e 120 dipendenti)

  • Terribile tragedia: bimba di 7 mesi muore soffocata da un palloncino

  • Alcol a minori, sporcizia ovunque e cibo scaduto: 12.000 euro di multa per un fast food

  • Si sente male in classe, è positivo al tampone: nuova quarantena a scuola

  • "Gentile cliente, il punto vendita chiude": 50 dipendenti scaricati con un cartello

  • Altro caso Covid a scuola, il primo sul Garda: bimbi in quarantena nella Bassa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento