"Mamma ho preso il Coronavirus. Abbiamo pianto, insieme": il racconto di Laura

Dirigente di Ats e docente universitaria, la testimonianza di Laura Rubagotti, operatrice sanitaria in isolamento domiciliare per 42 giorni

Laura Rubagotti (fonte Facebook)

“Mamma ho preso il Coronavirus. E poi abbiamo pianto, insieme”. E’ solo una piccola parte della toccante testimonianza di Laura Rubagotti, 50 anni, dirigente dell’Ats Valpadana e docente all’Università degli Studi di Brescia: anche lei vittima, come tanti operatori sanitari, della furia del Covid-19.

Non c’è stato bisogno del ricovero in ospedale, ha fatto sapere alla Gazzetta di Mantova, ma dal 10 marzo è rimasta in casa in isolamento, per 42 giorni, come da disposizioni. Da pochi giorni è tornata al lavoro: “Non ho esitato - racconta - per dare il cambio ai miei colleghi sfiniti, per rimettermi a disposizione della comunità”.

Il ricordo di quei giorni difficili

La mente torna ai ricordi dei primi giorni dell’emergenza sanitaria, dal 21 febbraio in poi, quando i telefoni continuavano a squillare, “la gente stava male in casa e non sapeva cosa fare e a chi rivolgersi”. Si lavorava anche più di 12 ore al giorno, dice ancora Rubagotti: finché non è arrivato quel giorno in cui la stanchezza era più forte del solito. Era il Coronavirus.

Il sospetto è stato confermato dal tampone, poi è cominciato l’isolamento domiciliare. Sono tanti i colleghi che risulteranno positivi. I giorni passano lenti, la paura è tanta: ma non mancano la solidarietà, le videochiamate, i messaggi e gli auguri di una pronta guarigione. Così è stato, per fortuna.

L'appello a rispettare le regole

Adesso è online un video in cui la dirigente lancia un appello: “Dobbiamo lottare tutti insieme contro questo maledetto virus, e per farlo dobbiamo attenerci alle misure di prevenzione. Solo adesso ricominciamo a vivere, ma a vivere in un modo diverso”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il peggio ora è passato, ma il ricordo di quei giorni non se ne andrà mai. “Ho vissuto in prima persona la paura, la disperazione e la solitudine - chiosa Rubagotti - Anch’io ho perso persone care, anch’io ho avuto paura di portare a casa il virus”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Un uomo e un ragazzo fanno sesso sul ciglio della strada: multa da 20.000 euro

  • Apre nuovo supermercato: maxi-store da 3.800 mq aperto tutti i giorni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento