Coronavirus, gli ultimi dati: in Lombardia ci sono 453 focolai attivi

Confermato l'indice Rt superiore a 1, ma non è la Lombardia – nonostante 453 focolai attivi – una delle regioni più a rischio: il report dell'Istituto superiore di Sanità

Nei prossimi giorni il governo prorogherà di cinque mesi lo stato d'emergenza Covid in Italia che scade il 31 luglio. E per martedì 14 luglio è atteso un nuovo Dpcm sull'emergenza coronavirus per prorogare le misure per contenere il contagio, con alcuni aggiustamenti rispetto ai divieti esistenti (qui i dettagli). Ma cosa dicono i numeri sull'andamento dell'epidemia nel nostro Paese? Una cosa è certa: abbiamo superato la fase critica dei mesi di marzo e aprile, quando i reparti di terapia intensiva erano al collasso e si contavano centinaia di decessi quotidiani, ma ogni giorno i positivi si aggirano sui duecento casi. E il traguardo dei contagi zero sembra quasi un miraggio.

Coronavirus, in Italia ci sono 636 focolai attivi

Il coronavirus in Italia non arretra e non è scomparso, anzi: i nuovi focolai preoccupano. Secondo il monitoraggio settimanale targato ministero della Salute e Istituto superiore della Sanità, riferito al periodo 29 giugno-5 luglio 2020, nel nostro Paese si contano 636 focolai attivi e in dieci regioni il rischio viene definito "moderato". "Sebbene le misure di lockdown in Italia abbiano permesso un controllo efficace dell’infezione da SARS-CoV-2, persiste una trasmissione diffusa del virus che, quando si verificano condizioni favorevoli, provoca focolai anche di dimensioni rilevanti", si legge nel report integrale consultato da Today (qui il documento in Pdf).

Nel dettaglio, i nuovi focolai di trasmissione (due o più casi epidemiologicamente collegati tra loro o un aumento inatteso nel numero di casi in un tempo e luogo definito) si trovano: due in Abruzzo, uno in Basilicata, nessuno in Calabria, due in Campania, 102 in Emilia Romagna, 7 in Friuli Venezia Giulia, 6 nel Lazio, 6 in Liguria, 453 in Lombardia, uno nelle Marche, nessuno in Molise, 11 in Piemonte, 4 nella Provincia autonome di Bolzano, 2 in quella autonoma di Trento, nessuno in Puglia, 5 in Sardegna, 3 in Sicilia, 10 in Toscana, uno in Umbria, nessuno in Valle d'Aosta, 20 in Veneto. 

Le regioni a impatto "moderato"

In dieci regioni - Abruzzo, Basilicata, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Puglia, Sicilia, Toscana, Umbria, Valle d’Aosta e Veneto - il rischio di impatto del coronavirus sui servizi sanitari è ritenuto "moderato", mentre in tutte le altre regioni è valutato "basso" o "molto basso". Tuttavia, ministero della Salute e Iss non segnalano una situazione di allarme: "Complessivamente il quadro generale della trasmissione e dell’impatto dell’infezione da SARS-CoV-2 in Italia rimane a bassa criticità con una incidenza cumulativa negli ultimi 14 giorni (periodo 22/6-5/7) di 4.3 per 100mila abitanti (in lieve diminuzione)".

Ma, si legge nel report, "in quasi tutte le regioni sono stati diagnosticati nuovi casi di infezione nella settimana di monitoraggio corrente, con casi in aumento rispetto alla precedente settimana di monitoraggio in alcune regioni. A livello nazionale, si osserva una lieve diminuzione nel numero di nuovi casi diagnosticati e notificati al sistema integrato di sorveglianza coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità rispetto alla settimana di monitoraggio precedente, con Rt nazionale<1, sebbene lo superi nel suo intervallo di confidenza maggiore".

Le regioni con indice Rt superiore a 1

"Le stime Rt – si precisa nel report - tendono a fluttuare in alcune regioni/province autonome in relazione alla comparsa di focolai di trasmissione che vengono successivamente contenuti". Nella settimana monitorata da ministero e Iss - dal 29 giugno al 5 luglio: verosimilmente molti dei casi notificati hanno contratto l’infezione due-tre settimane prima - sono sette le regioni con l'indice Rt sopra il livello 1: Emilia Romagna (1.12); Lazio (1.13); Lombardia (1.02); Marche (1,13); Piemonte (1,04) Toscana (1,48) e Veneto (1,11). L'indice Rt misura il tasso di contagiosità dopo l'applicazione delle misure decise per contenere la malattia.

Il report segnala anche alcune carenze regionali nelle capacità di tracciare i nuovi positivi e le persone venute a contatto con essi: Abruzzo, Campania, Friuli e Puglia non hanno raggiunto la soglia minima di personale (uno ogni diecimila abitanti) per il tracciamento del Covid. In Puglia e Umbria, invece, si registrano tempi troppo lunghi nel diagnosticare nuovi casi.

Queste le conclusioni dell'analisi Iss-ministero della Salute: "Il numero di nuovi casi di infezione rimane nel complesso contenuto. Questo avviene grazie alle attività di testing-tracing-tracking che permettono di interrompere potenziali catene di trasmissione sul nascere. La riduzione nei tempi tra l’inizio dei sintomi e la diagnosi/isolamento permette una più tempestiva identificazione ed assistenza clinica delle persone che contraggono l’infezione. Non sorprende pertanto osservare un numero ridotto di casi che richiedono ospedalizzazione in quanto, per le caratteristiche della malattia COVID-19, solo una piccola proporzione del totale delle persone che contraggono il virus SARS-CoV-2 sviluppano quadri clinici più gravi. Questo risultato, atteso in base alla strategia adottata nella fase di transizione, permette di gestire la presenza del virus sul territorio, in condizioni di riapertura, senza sovraccaricare i servizi assistenziali".

"La situazione descritta in questo report, relativa prevalentemente alla seconda metà di giugno 2020, è complessivamente positiva con piccoli segnali di allerta relativi alla trasmissione. Al momento i dati confermano l’opportunità di mantenere le misure di prevenzione e controllo già adottate dalle Regioni/Province autonome. È necessario mantenere elevata la resilienza dei servizi territoriali, continuare a rafforzare la consapevolezza e la compliance della popolazione, realizzare la ricerca attiva ed accertamento diagnostico di potenziali casi, l’isolamento dei casi confermati, la quarantena dei loro contatti stretti. Queste azioni sono fondamentali per controllare la trasmissione ed eventualmente identificare rapidamente e fronteggiare recrudescenze epidemiche". (Fonte: Today.it)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La situazione in Lombardia

I casi sono continuamente in diminuzione, anche se nell'ultima settimana si sono comunque registrati 45 nuovi focolai: tra questi anche il focolaio della Comunità Shalom di Palazzolo sull'Oglio, e il più recente focolaio mantovano (che si aggiunge ai precedenti). La maggior parte dei nuovi casi diagnosticati, fa sapere l'Iss, non sono associati a catene di contagio note. I dati resi noti dalla Regione domenica pomeriggio segnalano 77 nuovi casi di positività di cui 15 a seguito di test sierologici e 16 considerati “debolmente positivi”: continuano a calare i ricoverati in ospedale, ma per il terzo giorno consecutivo aumentano i ricoverati in terapia intensiva (+2 nelle ultime 24 ore).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Un uomo e un ragazzo fanno sesso sul ciglio della strada: multa da 20.000 euro

  • Malore in casa, Vigile del Fuoco muore tra le braccia della moglie

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento