Coronavirus

Uniti oltre la vita: Emilia e Piero, morti di Covid a due giorni l'uno dall'altra

La triste storia di Emilia Morandi, 91 anni, e Pietro Pilenghi, 89: sono morti di Covid a 48 ore l'uno dall'altra. Da sempre residenti a Brescia, da qualche tempo vivevano in provincia di Vicenza

Uniti nella vita, nell'amore e anche nella morte: un'altra storia commovente, ai tempi del coronavirus, raccontata sulle pagine del Giornale di Vicenza. E' la triste storia di Emilia Morandi, 91 anni, e Pietro Pilenghi, 89: entrambi colpiti dal Covid, sono morti a 48 ore di distanza l'uno dall'altra. 

Dopo una vita intera passata a Brescia, da qualche anno si erano trasferiti in provincia di Vicenza: erano entrambi ospiti della casa di riposo dell'Ipab (Istituto pubblico di assistenza e beneficenza) "La Casa" di Schio. I funerali sono stati celebrati in queste ore: Emilia e Pietro lasciano la figlia Bruna con Tiziano e il nipote Diego. 

Dopo questi giorni difficili, la famiglia ha dedicato “un sincero ringraziamento” a tutto il personale dell'istituto "La Casa" e dell'ospedale di Santorso. I coniugi Pilenghi si erano trasferiti a Schio ormai quattro anni fa, per stare vicino alla figlia. Il marito Pietro inizialmente era stato ricoverato nella casa di cura, ma poi i due si erano potuti ricongiungere nella casa albergo San Francesco, sempre gestita dall'Ipab.

Vittime della seconda ondata

Qui sono rimasti per qualche anno, fino alla scorsa estate: in agosto sono stati entrambi trasferiti nella casa di riposo. Poi è arrivato l'autunno, e la furia del Covid si è fatta risentire con la seconda ondata. Gli ospiti dell'Ipab di Schio erano stati risparmiati tra febbraio, marzo e aprile. Non è andata così tra novembre e dicembre. Anche Emilia e Pietro sono morti di Covid: ma sono rimasti insieme fino all'ultimo, uniti in un simbolico abbraccio, nella stessa stanza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uniti oltre la vita: Emilia e Piero, morti di Covid a due giorni l'uno dall'altra

BresciaToday è in caricamento