Attenti a chi si muove: gli spostamenti vietati controllati con lo smartphone

La Regione annuncia una campagna di controlli mirata sulla base degli spostamenti rilevati dagli smartphone: Brescia e Milano le due province più virtuose

Attenti a come e dove vi muovete: anche a Brescia la Prefettura, la Questura e i singoli Comuni hanno annunciato controlli serrati e a tappeto in vista delle festività pasquali. Con il supporto della tecnologia: dalla Regione fanno sapere che è attualmente in corso il monitoraggio dei dati degli spostamenti (sulla base delle celle e dei Gps degli smartphone) localizzati per capire chi si muove secondo l’area territoriale di riferimento.

I dati a disposizione delle Prefetture

“Questi dati, e altri ancora più localizzati – ha spiegato il vicepresidente di Regione Lombardia, Fabrizio Sala – li metteremo a diposizione delle Prefetture in modo che possano attivarsi in modo più preciso nel fare i controlli”. L’analisi degli spostamenti di tutti i cittadini lombardi è rilevata attraverso i cambi di celle alle quali si agganciano gli smartphone, condotta in collaborazione con le compagnie che gestiscono i servizi di telefonia.

In Lombardia il 40% degli spostamenti

Il dato della mobilità ad oggi sembra costante, pari al 40% del totale degli spostamenti prima del lockdown. E nonostante i dati dicano il contrario, almeno per ora, sono Brescia e Milano le province più virtuose, quelle in cui “si è girato meno”. La provincia con maggiore mobilità è stata quella di Lodi, ma non mancano segnali di “mobilità accentuata” nella zona tra Cremona e Mantova.

“Queste sono due province con una percentuale alta di mobilità – ha aggiunto ancora Fabrizio Sala – ma certamente questo dato è influenzato dalla presenza di aziende della filiera agroalimentare”. I dati sugli spostamenti confermano un calo costante dal 27 febbraio scorso, fino ad assestarsi, appunto, intorno al 40%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dati di mobilità di poco superiori al 20% si sono registrati nelle ultime quattro domeniche: il 15, il 22 e il 29 marzo, il 5 aprile. Segno che la maggioranza della gente ha capito (anche con l’aiutino di qualche multa o denuncia). Ma ci sono ampi timori per la mobilità di Pasqua: “Il monito è sempre lo stesso – conclude Sala – Dobbiamo restare a casa  per essere utili per noi stessi e per gli altri”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brescia: terremoto di magnitudo 2.7, epicentro a Caino

  • "Oltre 2300 in terapia intensiva, governo pronto al nuovo lockdown in Italia"

  • Tentato suicidio a scuola: ragazzina si butta dal balcone

  • Coprifuoco in tutta la Lombardia, ok del governo: dalle 23 stop attività e spostamenti

  • Dpcm 18 ottobre: le nuove misure della stretta in arrivo oggi

  • Autocertificazione covid Lombardia: modulo da scaricare Ottobre 2020

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento