Domenica, 26 Settembre 2021
Coronavirus Gottolengo

Coronavirus: padre e figlio strappati alla vita dalla furia della malattia

Sono morti a poche settimane di distanza l’uno dall’altro: ennesima tragedia familiare nella provincia bresciana. A Gottolengo morti il padre Antonio e il figlio Angelo Rolfi

Padre e figlio uccisi dal Coronavirus: un’altra tragedia familiare, l’ennesima in provincia di Brescia da quando tutto è cominciato. A poche settimane dalla morte del padre Antonio, da tutti conosciuto come Ugo, si è spento in ospedale anche il figlio Angelo Rolfi, 63 anni: entrambi abitavano a Gottolengo, piccolo paese della Bassa tra i più colpiti dall’epidemia (con 57 casi e 17 vittime in meno di due mesi).

Rolfi era considerato un pilastro della comunità: appassionato fotografo e videomaker, collaborava con il Comune, la parrocchia e varie associazioni documentando gli eventi e gli avvenimenti del paese. Un vero collezionista di ricordi, faceva parte dell’associazione Gottolengo Archivio.

Il suo impegno nel sociale è proseguito per tutta la vita: è stato tra i fondatori della sezione locale dell’Aido, l’Associazione italiana per la donazione degli organi. Il padre Antonio detto Ugo è morto poco più di un mese fa, una delle primi croci piante dalla comunità di Gottolengo: aveva 91 anni.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus: padre e figlio strappati alla vita dalla furia della malattia

BresciaToday è in caricamento