“Mancano almeno 4mila anestesisti”: l'allarme del primario di rianimazione

“Se letti e respiratori si possono acquistare il personale non si può creare, e tale mancanza è risultata fondamentale nella difficile gestione della prima ondata”, dice Marco Riccio, a capo del reparto dell’ospedale di Casalmaggiore (Cremona)

L'allarme dei posti letto è reale, ma nasconde un’altra emergenza che ritengo maggiore relativa alla crisi personale”. A parlare è Marco Riccio, l’anestesista di Piergiorgio Welby, oggi primario di rianimazione a Casalmaggiore (Cremona) e consigliere dell’Associazione Luca Coscioni. “Se letti e respiratori si possono acquistare il personale non si può creare, e tale mancanza è risultata fondamentale nella difficile gestione della prima ondata”, mette in guardia Riccio in una nota diffusa dall’associazione.

"Il rapporto ottimale paziente anestesista è di 1 a 4, quello paziente infermiere di 1 a 2. Già in condizioni di attività normali in Italia, secondo i dati Siaarti (la Società Italiana di Anestesia Analgesia Rianimazione e Terapia Intensiva, ndr) mancano all'appello 4.000 anestesisti”, dice il dottor Riccio.

"In vista della seconda ondata occorre innanzitutto sospendere in alcune aree tutte quelle attività non urgenti e coinvolgere nel settore pubblico anche il personale delle strutture convenzionate minori (come le piccole case di cura), spostandolo nei reparti Covid, cose non avvenute in primavera quando il sistema è andato al collasso"

Mancano anestesisti e rianimatori
Secondo i dati del 24esimo report settimanale “Instant” dell’Alta scuola di economia e management dei sistemi sanitari (Altems) dell’Università di Cattolica di Roma, al momento le terapie intensive tengono ma siamo al limite. E anche il report ammette: “Sono aumentati i posti letto in terapia intensiva, ma non il numero degli anestesisti-rianimatori”.

Nel documento si mettono a confronto il numero di anestesisti e rianimatori per posto letto in terapia intensiva prima e dopo l’implementazione dei posti letto rivesti dal Dl34 e l’acquisizione di nuovo personale a valle di bandi per l’acquisizione di personale medico. "Prima dell'emergenza sanitaria il rapporto in Italia tra anestesisti e rianimatori e posti letto di terapia intensiva era di 2,5 - spiega il report - Se consideriamo la risposta strutturale delle regioni, ovvero l'acquisizione di personale tramite bandi per posizioni a tempo indeterminato e determinato, e l'incremento di posti letto previsto dal Dl 34 il rapporto scende a 1,6 (-0,9), con rimarcate differenze regionali”. 

Calabria e Marche le regioni con il valore più basso: 1,4 anestesisti per posto letto di terapia intensiva. Il Friuli Venezia Giulia, con 2 unità per posto letto, è invece la regione che mantiene il rapporto più alto. La regione che registra la riduzione più alta è la Valle d'Aosta (-1,7), passando da 3,5 anestesisti e rianimatori per posto letto prima dell'emergenza a 1,8. Veneto e Molise invece registrano il decremento minore, passando rispettivamente da 1,9 a 1,6 e da 2 a 1,7.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"È necessario evidenziare - sottolinea Americo Cicchetti, professore ordinario di Organizzazione aziendale della facoltà di Economia dell'università Cattolica - come a fronte dell'aumento dei posti letto di terapia intensiva manca ad oggi un aumento in egual misura del numero degli anestesisti, venendo a minare il rapporto consolidato tra personale anestesista e posto letto in terapia intensiva".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brescia: terremoto di magnitudo 2.7, epicentro a Caino

  • "Oltre 2300 in terapia intensiva, governo pronto al nuovo lockdown in Italia"

  • Tentato suicidio a scuola: ragazzina si butta dal balcone

  • Coprifuoco in tutta la Lombardia, ok del governo: dalle 23 stop attività e spostamenti

  • Incubo coronavirus: 237 casi a Brescia, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Autocertificazione covid Lombardia: modulo da scaricare Ottobre 2020

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento