rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Alimentazione

Cosa mangiare a novembre e dicembre: frutta e verdura di stagione

Dalle arance alla zucca, dalle pere d'autunno alla lattuga: frutta e verdura di stagione per una sana alimentazione

Novembre volge ormai al termine, ma non le buone abitudini: se parliamo di alimentazione, è proprio nel periodo dei primi freddi che il nostro organismo ha bisogno di essere rinforzato anche a tavola, approfittando di una dieta ricca di vitamine. Per farlo è consigliabile dedicarsi al consumo di frutta e verdura di stagione: i prodotti maturali nel corso della loro naturale stagione di maturazione, ricordiamo, hanno delle proprietà nutritive superiori rispetto a quelle maturate fuori stagione.

La frutta di stagione

Sono arrivate le arance, ma anche le clementine e i mandarini: sono frutti ricchi di vitamina C, dal forte potere antiossidante e importantissima per stimolare le difese immunitaria. Sempre sul fronte degli agrumi, è consigliato anche il bergamotto: al di là della vitamina C, se bevuto come infuso ha la forza di regolare il transito intestinale.

Non da meno il cedro, o il limone: ma per restare in tema di vitamina C, non dimentichiamoci dei kiwi, uno dei frutti più ricchi della citata vitamina, tanto che basta mangiarne un paio per coprire il nostro fabbisogno quotidiano. All'elenco non possono mancare le castagne: sono ricche di glucidi complessi e hanno un basso indice glicemico.

E ancora, le mele (di ogni tipo: se possibile mangiamo anche la buccia) e in fine le pere d'autunno, che nello specifico sono la Kaiser, la Conference o la celebre pera Abate. 

La verdura di stagione

Dopo la frutta, la verdura. Tra gli alimenti stagionali consigliamo sicuramente il broccolo, ricco di glucosinati (che aiutano il fegato ad eliminare le tossine), ma pure il cavolfiore, il cavolo cappuccio (che contiene anche tanta vitamina C), il cavolo nero e il cavolo rosso, quest'ultimo meglio se consumato crudo.

Il finocchio è fonte di vitamina B9, ricco di fibre e con pochissime calorie: da accompagnare all'invidia, dalle proprietà antiossidanti e con vitamine A, B9 e K, oppure al porro (ricco di fibre e potassio) o al topinambur. In ambito insalate, da non perdere la lattuga (a costa lunga o iceberg) e il radicchio rosso. Per concludere, fioriera di ricette e tradizioni anche e soprattutto in provincia di Brescia, l'immancabile zucca

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cosa mangiare a novembre e dicembre: frutta e verdura di stagione

BresciaToday è in caricamento