Calciomercato Brescia: Juan Antonio Udinese, El Kaddouri Genoa

Mentre si avvicina la finestra di gennaio alcune big della Serie A si contendono i gioielli bresciani: l’Udinese spinge per Leali e per Juan Antonio, Genoa e Roma allo sprint per El Kaddouri. Ma attenti alla Spagna

Le tante voci che ricoprono di dubbi il futuro del Brescia Calcio si accendono di nuova linfa quando anche il buon Ugo Calzoni sottolinea che entro la fine dell’anno ci saranno sviluppi decisivi per la cessione della società. Servono garanzie, servono soldi, e ci si muove anche per quello che riguarda il mercato in uscita, con tanti giovani in vetrina e tante squadre che li osservano con attenzione.

Il mercato in entrata è solo una supposizione, quello in uscita una certezza. In questi giorni, dopo Vantaggiato e Sasha Cori, torna d’attualità il nome di Bruno Leonardo Vicente, giovane centrocampista di qualità e quantità di proprietà del Padova, ora in campo per il Como. Tutto in funzione delle cessioni: i gioielli di Mompiano piacciono a tutti, e purtroppo la famiglia Corioni non è proprio nelle condizioni di poter trattare.

Il doppio trasferimento Salamon e Leali allo Sporting Lisbona avrebbe fruttato quasi dieci milioni di euro: obiettivo è fare cassa arrivando almeno a doppia cifra. Il giovane portiere sarebbe ora seguito dall’Udinese, che pensa anche a Juan Antonio, trequartista veloce che ben si adatterebbe al modulo e al gioco di Guidolin. Sul giovane argentino anche due spagnole, Atletico Madrid e Siviglia, che pare abbiano già contattato sia l’agente di Antonio che il club biancoblu.

Bisogna vendere senza svendere. E anche El Kaddouri è molto apprezzato, e vale un po’ di moneta. Su di lui in netto vantaggio il Genoa, che ci pensa per gennaio, poco dietro la Roma di Luis Enrique. “Il presidente Corioni è stato chiaro – ha dichiarato Calzoni – e mi ha dato mandato di vendere”. Società e giocatori, il prima possibile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due sorelle, lo stesso tragico destino: uccise dal cancro a distanza di 20 giorni

  • Lo schianto col tir, poi l'inferno: manager d'azienda muore carbonizzato nella sua auto

  • Donna trovata morta in campagna: tragedia avvolta nel mistero

  • Brescia, morta Leontine Martin: era al vertice di un'azienda da mezzo miliardo di euro

  • Orzinuovi piange la scomparsa del ristoratore Tonino Casalini

  • Sposato, padre di 3 figli: prende a schiaffi e pugni la moglie in strada

Torna su
BresciaToday è in caricamento