Suonare (e ascoltare) per scoprire se stessi: "La musica è vera condivisione sociale"

Intervista a Giovanni Benyacar, il direttore della Scuola Diocesana di Musica Santa Cecilia di Brescia

I ragazzi del BIEMSSF in concerto al Capitolum (fonte Facebook)

Ci sono i corsi canonici, sulla musica sacra e la liturgia. I corsi per i più piccoli, gli “Juniores”: l’avviamento alla musica (bambini di 4 e 5 anni), propedeutica musicale (dai 6 ai 13 anni), le parole in musica (per i bambini all’ultimo anno della materna), il pianoforte “per piccole mani”, la musica d’insieme, il coro delle voci bianche (un fiore all’occhiello, garantisce Benyacar, “grazie anche a un maestro come Mario Mora”. Le attività nel suo insieme, l’accademia vera e propria, l’indirizzo liturgico (dal canto gregoriano alla musica antica, fino alla lettura espressiva) e quello musicale in senso lato (pianoforte e violino, tromba e clavicembalo, chitarra e violoncello). Gli “adulti principianti”, i ragazzi, quelli che già sono proiettati verso il Conservatorio e quelli che vogliono scoprire se stessi partendo da uno strumento, i corsi integrativi (ritmo e propedeutica, analisi musicale e storia della musica).

Una scorpacciata, in senso buono, un’offerta unica nel suo genere. Tutto al Santa Cecilia sembra un po’ un “fiore all’occhiello”: basta pensare al Biemssf, il Brescia International Early Music Summer School and Festival, con 50 giovani studenti arrivati dal Massachusetts che si sono esibiti per tutta la città, dal Capitolium al Duomo, dalla Loggia all’auditorium Santa Giulia. Gli allievi nel corso dell’anno sono più di 250, gli insegnanti 22, i ragazzi delle medie che vengono ad ascoltare l’organo più di 130.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Voglio vederti danzare, capire, imparare: “Il desiderio di ascoltare la musica presuppone la conoscenza. Chi suona va educato, ma anche chi ascolta va educato. La musica è condivisione, è condividere un’esperienza sociale. La musica fa bene, alla mente e al fisico. Costruisce legami che non sono singoli, ma sono comunitari”. Per questo la formazione deve andare al di là: “La musica è un collettore di buone pratiche. Ci insegna il rispetto, l’organizzazione, la responsabilità. Ci insegna a far parte di qualcosa di più grande, la musica ci allena”. La grande sfida è adesso: “Avvicinare i più giovani, creare il pubblico e i musicisti del futuro”. Le radici sono importanti: “La musica è cultura e approfondimento”. La musica è vita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla e Ines, la tragedia sulla strada per le vacanze

  • Si sente male nel suo locale, ristoratore bresciano muore mentre sta lavorando

  • Coronavirus, in Lombardia via libera a calcetto e discoteche

  • Scontro mortale in autostrada: decedute due sorelle bresciane

  • Esce a buttare lo sporco e non torna: scomparsa giovane mamma bresciana

  • Si appoggia a un masso e precipita nel vuoto: addio a Saverio

Torna su
BresciaToday è in caricamento