Bimba sbranata dai pitbull: a processo nonno, genitori e veterinari

Chiesto il rinvio a giudizio per i cinque indagati della tragedia di Flero: tra di loro anche il nonno e i genitori della piccola Victoria, morta a 1 anno e 2 mesi

La piccola Victoria

Aveva solo un anno e due mesi la piccola Victoria Zijkaj, la bimba di Flero che nel settembre del 2017 venne sbranata viva (e uccisa) dai due pitbull di proprietà dei genitori: in quel momento in casa loro non c'erano, in giardino c'era solo il nonno che a quanto pare avrebbe fatto di tutto per fermarli. Senza riuscirci, purtroppo: e il resto è una tragedia nota.

A meno di un anno da quella terribile giornata il pubblico ministero Roberta Panico ha chiesto il rinvio a giudizio per i cinque indagati coinvolti nell'inchiesta. Le indagini si sono concluse in questi giorni, con un fascicolo aperto per omicidio colposo.

Tra i cinque indagati, oltre al nonno della piccola, anche i genitori della bambina, e i veterinari che avevano visitato i cani pochi giorni prima della tragedia. Pare infatti che i due pitbull fossero già stati protagonisti di una violenta aggressione, nei confronti di un altro animale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Un paese fantasma: chiude l'ultimo negozio, a rischio anche l'unico bar

  • Dramma in una cascina: trovato morto uomo di 56 anni

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Tragedia avvolta nel mistero: cadavere trovato in autostrada, lungo la corsia di sorpasso

  • Una sterzata disperata, poi lo schianto contro l'albero: così è morta Celeste

Torna su
BresciaToday è in caricamento