Muore in cantiere a poche centinaia di metri da casa: la tragedia di Luigi

Aveva 63 anni Luigi Roncati, vittima del malore di lunedì mattina in Via dei Lis a Gargnano: stava lavorando in cantiere a poche centinaia di metri da casa

Foto d'archivio

La tragedia si è consumata a poche centinaia di metri da casa, e sotto gli occhi attoniti del collega di lavoro che per primo si è accorto di quello che stava succedendo: poco più tardi delle 9, in Via dei Lis a Gargnano, a metà tra Via Gardesana e Via Rimembranza. Una piccola strada dove da qualche giorno si sta lavorando alla sistemazione del manto stradale, e alla posa di nuovi sottoservizi.

Tra gli operai edili in cantiere anche il 63enne Luigi Roncati, da sempre residente a Gargnano e dipendente di una nota impresa locale: è lui la vittima del malore che lunedì mattina non gli ha lasciato scampo. Una cosa fulminea: nessuno si è accorto di nulla se non quando ormai era davvero troppo tardi.

Il collega di lavoro che era al suo fianco lo ha trovato steso a terra, vicino a un escavatore. Ha subito chiesto aiuto, allertando anche la vicina piscina comunale, attrezzata con defibrillatore semiautomatico. La centrale operativa ha inviato sul posto ambulanza e automedica, mentre in volo da Brescia era già decollato l'elicottero. Per i rilievi carabinieri e polizia locale.

A nulla sono valsi i disperati tentativi di rianimarlo: il suo cuore non ha più ricominciato a battere. La salma è stata poi trasportata in ospedale, a disposizione della magistratura: nel primo pomeriggio sono stati effettuati gli accertamenti medico-legali necessari, nelle prossime ore dunque si conosceranno data e ora del funerale.

Un uomo buono, dicono di lui: gran lavoratore, sempre disponibile. Abitava da una vita a Gargnano, e da una vita sui cantieri: in paese era molto conosciuto. Con il compagno condivideva un singolare primato: erano stati i primi a celebrare una unione civile tra persone dello stesso sesso, in tutto il lago di Garda.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • A 63 anni ancora in cantiere a lavorare...questa è l’Italia! Due mesi da parlamentari e si prende un vitalizio da 7000 euro al mese...le persone comuni, per non definirli eroi, a 63 anni ancora in cantiere! Che tu possa avere la meritata pace!

Notizie di oggi

  • Elezioni

    Diretta Comunali ed Europee 2019. Aggiornamenti e affluenza

  • Cronaca

    Ciclabile verso la Valtellina: il sogno si avvera

  • Cronaca

    Baby gang in centro: 16enne colpito con un pugno al volto

  • Cronaca

    Cade in chiesa e batte la testa, gravissima una donna

I più letti della settimana

  • Professore si suicida in palestra, il corpo trovato da due studenti

  • Si affaccia alla finestra di casa e precipita per 12 metri: muore bimba di 9 anni

  • Stroncata dalla malattia, muore madre di famiglia: il dolore di figli e marito

  • Al volante ubriaco dopo un matrimonio, si schianta in auto con i tre figli piccoli

  • Grandine e nubifragi nel Bresciano: strade allagate, traffico nel caos

  • "Ucciso dai nipoti e messo in un sacco per far sparire il cadavere"

Torna su
BresciaToday è in caricamento