Cronaca

Stroncato da un infarto mentre lavora in un cantiere, muore 65enne di Gargnano

Luigi Roncati, originario di Leno ma da tempo di casa nel comune gardesano, è morto lunedì mattina mentre lavorava in un cantiere stradale.

Foto d'archivio

Non è stata causata da un incidente, come invece era trapelato in un primo momento, la tragedia in cantiere stradale avvenuta attorno alle 9 di lunedì mattina a Gargnano. A causare il decesso di Luigi Roncati, questo il nome della vittima, è stato un malore improvviso, molto probabilmente un infarto.

Stando a quanto ricostruito dalla Polizia Locale, il 65enne - dipendente di una ditta edile di Gargnano, che si stava occupando del rifacimento del manto stradale di via del Lis - si sarebbe improvvisamente accasciato a terra, perdendo i sensi. Il primo a soccorrerlo è stato il suo datore di lavoro, che ha assistito alla tragedia: l'imprenditore avrebbe pure provato a rianimare l'operaio, in attesa dell'arrivo sul posto dei soccorsi.

Per lui non c'è però stato nulla da fare: i sanitari, giunti a bordo di un'ambulanza e dell'elisoccorso partito da Brescia, non hanno potuto far altro che constatare il decesso del 65enne. Originario di Leno, viveva da anni a Gargnano, dove nell'ottobre del 2016 aveva coronato il suo sogno d'amore, sposando il compagno di una vita. La loro è stata la prima unione civile omosessuale celebrata nel comune dell'Alto Garda.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stroncato da un infarto mentre lavora in un cantiere, muore 65enne di Gargnano

BresciaToday è in caricamento