"La casa è infettata dalla legionella", 100mila euro di gioielli rubati a una coppia

È successo mercoledì: con la scusa di controllare la qualità di aria e acqua, due uomini si sono intrufolati nell'abitazione di due anziani, portandosi via gioielli e preziosi per 100mila euro

Foto di repertorio

Hanno fatto leva sulla paura per raggirare una coppia di anziani e intascarsi un bottino alquanto cospicuo. Approfittando del timore generato dall'epidemia di polmonite che sta colpendo il Bresciano, hanno orchestrato un nuovo tipo di raggiro, spietato e alquanto remunerativo. 

I due truffatori hanno scelto con cura le vittime, una coppia di ultraottantenni di casa a Orzinuovi, poi hanno atteso che la figlia uscisse di casa. Per farsi aprire la porta dell'abitazione, hanno finto di essere degli addetti al controllo dell'acqua: sono stati alquanto convincenti, uno di loro indossava pure una tuta da lavoro di colore blu.

Una volta dentro hanno spinto glia anziani a prelevare tutti i gioielli dalla cassaforte e a riporli nel frigo, dicendo loro che l'aria dell'abitazione era contaminata dalla legionella e i preziosi, oltre a rovinarsi, avrebbero potuto essere dannosi per la salute. A quel punto per loro è stato facile arraffare monili, anelli, brillanti, orologi e sparire prima che tornasse la figlia della coppia. Un colpo che ha fruttato oltre 100mila euro.

L'accaduto è stato denunciato alle forze dell'ordine, che hanno immediatamente diramato un messaggio alla popolazione, invitando tutti a non aprire a nessuno che si presenti come incaricato ad effettuare controlli dell'acqua in relazione a contaminazioni da legionella.

Non è la prima truffa di questo tipo andata a segno in provincia. Lo scorso lunedì mattina un episodio simile si è verificato in città: utilizzando lo stesso stratagemma due uomini hanno derubato una coppia di anziani. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • con tutto il rispetto, ma a questi nessuno gli ha mai detto che esistono le cassette di sicurezza nelle banche che si possono noleggiare per pochi spiccioli l` anno? mi dispiace per il furto ma sono anche un pochetto sprovveduti...

  • Il discorso è chebpurtroppo questi cani si studiano le vittime per giorni e giorni, mentre i malcapitati non hanno il tempo per reagire, a volte purtroppo la prevenzione non basta, guardiamoci in giro vicino a dove abitano le persone più sensibili , se vediamo qualcosa di sospetto , chiamiamo il 112 , loro non dicono di no,

  • Tanto anche se li prendono non gli fanno niente.Solo i domiciliari. Che schifo di gente.

  • miserabili bastardi

  • Sono giorni che informano ma chi? Ogni comune dovrebbe comunicare direttamente e soprattutto alle persone anziane di questo rischio, di non aprire a nessuno, e se qualcuno si presenta con queste credenziali, avvisare subito le forze dell'ordine.

  • Figli di puttana. Vengano a suonare a casa mia , do scioppetade ndel co ghe tire. Fioi de na roia ncülada

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Ucciso dalla malattia: morte sospetta, ma è escluso il morbo della "mucca pazza"

  • Cronaca

    Si trasferiscono per lavoro, gli occupano la casa e ci fanno dentro una stalla

  • Cronaca

    Improvviso malore, morto l'imprenditore Vigo Nulli

  • Cronaca

    Rapina in casa da incubo: imprenditore minacciato con taser e martello

I più letti della settimana

  • "Hai fatto sesso con la mia fidanzata": pistola in pugno, rapisce un operaio e lo porta nei boschi

  • Cadavere carbonizzato: ad uccidere Stefania è stata la rivale in amore

  • Timbra il cartellino, ma intanto se la spassa al ristorante: licenziata in tronco

  • "Ti amo" e una rosa rossa: così ha attirato Stefania nella trappola mortale

  • Operaio rapito fuori dal lavoro e portato nei boschi: ricerche a tappeto

  • Tangenziale Sud: in tre settimane più di ottomila multe con il nuovo "tutor"

Torna su
BresciaToday è in caricamento