La Goletta boccia anche il Garda, per metà "fortemente inquinato"

I dati della Goletta dei Laghi di Legambiente relativi alla sponda bresciana del Garda: su 10 punti analizzati ben 5 risultano "fortemente inquinati". Tutti i risultati del tour ambientalista

Dieci zone critiche controllate, da Limone a Sirmione, e una piccola ecatombe ambientale: sarebbero addirittura cinque le 'tratte' di lago – tra quelle analizzate – considerate “fortemente inquinate”. Questo il giudizio tutt'altro che positivo della tappa gardesana (e bresciana) della Goletta dei Laghi di Legambiente, a poco più di due settimane dal 'tour' sul lago d'Iseo, dove anche in quel caso non era andata proprio benissimo.

I criteri di valutazione come sempre riguardano la presenza di batteri come gli enterococchi interstinali e l'Escherichia Coli, utili fattori di valutazione nella misurazione delle pressioni inquinanti, degli scarichi non depurati. E sul Garda in alcuni punti l'inquinamento di questo tipo rimane purtroppo cronico.

Nulla è cambiato infatti rispetto allo scorso anno, fatta eccezione per la zona di Rivoltella, a Desenzano, dove la situazione sarebbe rientrata nei limiti. Male per Toscolano Maderno, malissimo per Salò e Padenghe: 6 i punti monitorati nei 3 Comuni, si salva solo la foce del torrente Toscolano. Poi a scendere risultano “fortemente inquinati” la foce del torrente Barbarano e quella 'canale' nei pressi della spiaggia delle Rive a Salò, la foce del torrente che scende al porto e la foce del Rio Maguzzano a Padenghe.

Anche Rivoltella, che a prima vista si salva, nasconde intorno alla 'sua' foce “la presenza di feci tutt'intorno al luogo di prelievo, e schiume sulla superficie delle acqua a poca distanza”. Risultano poi “entro i limiti” anche i prelievi effettuati a Limone, a Desenzano sul lungolago Battisti, a Sirmione di fronte al lido di Lugana.

Di certo non un bel biglietto da visita per il Garda, quasi nel cuore della stagione turistica. “Le analisi parlano chiaro – spiega Barbara Meggetto di Legambiente Lombardai – E' necessario intervenire nei confronti di un sistema depurativo ormai vecchio di 30 anni”. La Goletta ha poi consegnato le 'bandiere nere' ai Comuni di Limone e di Tremosine, per la frazione di Campione, perché “preferiscono i costruttori alla tutela dell'ambiente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lo schianto col tir, poi l'inferno: manager d'azienda muore carbonizzato nella sua auto

  • Due sorelle, lo stesso tragico destino: uccise dal cancro a distanza di 20 giorni

  • Brescia, morta Leontine Martin: era al vertice di un'azienda da mezzo miliardo di euro

  • Terribile schianto all'incrocio: motociclista muore in ospedale

  • Maltempo, arriva forte peggioramento: pioggia e abbondanti nevicate

  • Investita mentre va in pizzeria con la famiglia, muore madre di tre figli

Torna su
BresciaToday è in caricamento