Allarme ambientale dopo il rogo dei rifiuti: vietato raccogliere frutta e verdura

Nel rogo sono bruciati più di 3000 metri quadrati di rifiuti: carta, copertoni, plastica e residui industriali. Indagini in corso per l'incendio alla Valcart di Rogno

Incendio alla Valcart di Rogno (foto di Michael Light - Facebook)

Inferno in terra, alla Valcart di Rogno: sono andati a fuoco più di 3000 metri quadrati di depositi di rifiuti, e tra questi carta e cartone, plastica di vario tipo, gomma e copertoni, rifiuti industriali. Un fumo denso e nero che si è levato in cielo, visibile anche a chilometri di distanza: la paura di una contaminazione che almeno nei dintorni, purtroppo, sembra ormai cosa certa. E poi le indagini, coordinate dalla Procura in collaborazione con i Carabinieri e i Vigili del Fuoco: al momento si escluderebbe l'ipotesi del dolo, ma con gli accertamenti in corso tutto è ancora possibile.

L'incendio

Le fiamme sono divampate nella notte tra il 20 e il 21 aprile, e non si sa come. L'incendio ha avuto origine dal deposito della carta: è bastato poco, pochissimo, per bruciare tutto. Il fuoco rapidissimo si è “mangiato” anche gli altri rifiuti, cavi elettrici e capannoni. Nemmeno l'allarme è riuscito a scattare in tempo. Ci sono volute quasi 24 ore per rimettere in sicurezza la zona, dopo aver spento anche l'ultimo focolaio.

Rischio per l'ambiente

Rogno è un Comune bergamasco da meno di 4000 abitanti, ma è come se fosse bresciano da sempre: al confine con Pian Camuno, Bessimo, Artogne e Darfo Boario Terme. Il rischio ambientale è stato considerato molto elevato: tanto che i Comuni di Rogno e Darfo, con apposite ordinanze, per il momento hanno vietato l'organizzazione e lo svolgimento di manifestazioni all'aperto, invitando i cittadini a non aprire le finestre, vietando la raccolta e il consumo di frutta e verdura coltivata in zona.

Le indagini

Come detto l'ipotesi preponderante al momento è quella del rogo accidentale. Nessun iscritto al registro degli indagati, almeno per ora. Ma niente si può ancora escludere, soprattutto in un settore “delicato” come quello della raccolta e dello stoccaggio dei rifiuti. I carabinieri hanno già sentito anche i titolari dell'azienda. Le indagini proseguono.

Potrebbe interessarti

  • Rimedi naturali per far passare la sbornia

  • Attenzione al ragno violino: cosa fare in caso di morso

  • Le 5 migliori piante antizanzare

  • La ciclabile dei sogni batte ogni record: in un anno visitata da 325.000 persone

I più letti della settimana

  • Scomparso nel lago da tre giorni, ritrovato sano e salvo

  • Scendono dall'auto in panne, travolti e uccisi sulla Statale: morti due ragazzi

  • Sfonda il parabrezza, sbalzato sull'asfalto per diversi metri: muore a soli 26 anni

  • Orribile tragedia sulla strada: muore con la testa schiacciata dal camion

  • Tenta il suicidio buttandosi dal terzo piano, grave un ragazzo

  • Terribile incidente: schiacciato da 15 tonnellate di acciaio, muore padre di famiglia

Torna su
BresciaToday è in caricamento