Inchiesta sulle staminali, pm: «Altro che onlus, Stamina lucrava sui malati»

Secondo il pm Raffaele Guariniello e i Carabinieri del Nas, la Stamina Foundation, anzichè essere un onlus senza fini di lucro, aveva un vertice "animato dall'intento di trarre guadagni da pazienti affetti da patologie senza speranza"

Altro che onlus senza fini di lucro. La Stamina Foundation, a differenza di come si presentava al pubblico, aveva un vertice "animato dall'intento di trarre guadagni da pazienti affetti da patologie senza speranza".

Consapevole di agire oltre il confine della legalità, se è vero che, come risulta alla Procura di Torino, invitava i clienti "a non dire nulla in giro" perché "queste procedure sono vietate". E che una volta, parlando del numero dei malati, si è lasciato scappare un "fortunatamente sono in aumento".

Ecco il quadro che il pm Raffaele Guariniello e i Carabinieri del Nas hanno tracciato della società che a Brescia svolgeva trattamenti terapeutici a base di cellule staminali.

Oggi un giudice del lavoro di Venezia dovrà pronunciarsi sul ricorso dei genitori di una bimba di due anni, Celeste, colpita da atrofia muscolare spinale: chiedono che la piccola possa riprendere la terapia sperimentale cui veniva sottoposta a Brescia fino ad alcuni mesi fa, quando l'attività del centro è stato bloccato dall'Aifa (Agenzia italiana per il farmaco).

"Faccio appello - dice papà Gian Paolo - affinché le persone coinvolte nella vicenda di mia figlia comprendano la gravità di quello che stanno facendo. Qui si parla di vite umane". Anche l'Asl bresciana ha presentato un ricorso al Tar.

Lo stop, scattato a maggio, è un provvedimento amministrativo, e non è stato disposto dalla Procura di Torino. Quello che la Procura di Torino ha fatto è stato indagare, per un paio d'anni, su un gruppo di specialisti che hanno lavorato anche nel capoluogo piemontese. E di informare passo dopo passo il Ministero della Salute.

Il ministro Renato Balduzzi, dopo il blocco deciso dall'Aifa, ha disposto nuovi accertamenti e ha trasmesso i risultati alla magistratura. Sono emerse irregolarità di varia natura. Sembra che non sia possibile, per esempio, garantire in ogni occasione la tracciabilità dei prodotti utilizzati.

Stamina dichiarava di impiegare solo metodi brevettati, mentre in realtà ci sarebbero solo delle domande di brevetto (gli ispettori ministeriali hanno detto di non conoscerne l'esito). Alcune settimane fa la Procura di Torino ha chiuso le indagini preliminari a carico di tredici persone. Fra i reati contestati, l'associazione per delinquere, la somministrazione di farmaci pericolosi, la truffa.

La figura centrale è considerata quella del presidente della Stamina, Davide Vannoni, 42 anni, professore associato di scienze cognitive all'università di Udine. Un uomo che si dedica alla ricerca e allo sviluppo delle terapie a base di staminali.

La sua società - secondo i pm - chiedeva ai pazienti dai 30 ai 50 mila euro. Spiegando che, nel bonifico, dovevano precisare che il versamento era una "donazione", dal momento che certi trattamenti non erano permessi.

Un paziente, colto da malore dopo una puntura lombare, si fece ricoverare in ospedale a San Marino, dove raccontò ai medici che stava seguendo una terapia cellulare: fu invitato a ritrattare, a dire di essersi sbagliato perché in stato confusionale.

Sono una settantina i clienti identificati dai Carabinieri del Nas. Nelle carte dell'indagine c'é la traccia di un video promozionale della ditta: si vedono le evoluzioni di un ballerino russo che, prima del trattamento con le staminali, era martoriato dal morbo di Parkinson.

(fonte: Ansa)
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Cadavere carbonizzato: il corpo è di una 42enne scomparsa giovedì

  • Cronaca

    Alfa Romeo rubata alla Mille Miglia: era ancora in provincia

  • Incidenti stradali

    Ciclista investito e ucciso mentre torna a casa dal lavoro

  • WeekEnd

    Cosa fare a Brescia dal 18 al 20 gennaio: i migliori eventi del weekend

I più letti della settimana

  • "Hai fatto sesso con la mia fidanzata": pistola in pugno, rapisce un operaio e lo porta nei boschi

  • 300 chili di pesci morti, è una strage: nel lago una rete abusiva di quasi 1 chilometro

  • Timbra il cartellino, ma intanto se la spassa al ristorante: licenziata in tronco

  • Muore senza eredi diretti: 2,5 milioni a lontani parenti, agli amici e al suo paese natale

  • Operaio rapito fuori dal lavoro e portato nei boschi: ricerche a tappeto

  • Forte scossa di terremoto scuote il Nord Italia: l'epicentro a Ravenna

Torna su
BresciaToday è in caricamento