Mal di schiena e mal di collo: sintomi e cure

Se il dolore persiste fino a diventare cronico, piuttosto che affidarsi al fai da te è meglio uno specialista: utile guida per chi combatte quotidianamente con il mal di schiena

Mal di collo e mal di schiena: sono alcune delle patologie più diffuse, che possono capitare all'improvviso e soprattutto colpire un adulto in qualsiasi fascia d'età. Gli episodi saltuari si possono sopportare, quelli cronici sicuramente un po' meno: se il dolore persiste infatti, e anche di una certa intensità, non è escluso che possa compromettere il vivere quotidiano. In gergo tecnico, il mal di schiena è scientificamente definito come dolore cervico-dorso-lombare: si tratta di una sensazione di dolore diffusa a livello della schiena e del collo, e che può essere causata dai muscoli, dai nervi, dalle ossa, dalle superfici articolari, dalla colonna vertebrale.

A cosa è dovuto il mal di schiena

Incredibile ma vero, ma è proprio il mal di schiena la prima causa di assenza dal lavoro. E si può presentare in qualsiasi caso, sia che si tratti di un lavoro pesante (dove chiaramente è più comune) sia quando il lavoro è sedentario, magari in ufficio davanti a un computer. Ecco perché sono queste le due grandi categorie del mal di schiena: quello provocato dal reiterarsi della stessa posizione, appunto lo stare seduti, nel corso della giornata, oppure da sforzi o movimenti incongrui.

Tipologie di dolore e prime cure

Il dolore può essere intermittente o costante, focalizzato in un posto ben preciso o irradiarsi ad altre aree. Si distingue in dolore sordo, dolore acuto, dolore trafiggente (o bruciante). Può essere percepito al collo ma arrivare fino alle braccia o alle mani, oppure alla schiena e irradiarsi fino alle gambe o ai piedi: altri sintomi comuni sono stanchezza, debolezza, formicolio. 

Nei casi più diffusi il dolore si può risolvere con il riposo o con l'assunzione di farmaci analgesici, ma solo quando stiamo affrontando le infiammazioni muscolari o articolari. Ci sono casi più specifici, e più complicati come ad esempio l'ernia del disco, che meccanicamente comprime la radice nervosa fino a provocare una degenerazione del rivestimento mielico. Esistono poi le artrosi, o le infiammazioni croniche. Ecco perché è sempre meglio rivolgersi a uno specialista, piuttosto che affidarsi al fai da te.

Rivolgersi a uno specialista

Medici ortopedici, specialisti del dolore alla schiena, fisioterapisti: lo spettro delle possibilità è molto vario. Un primo passo può essere un consulto direttamente al proprio medico di base, o pediatra quando si tratta di bambini e ragazzi. Tra le terapie più diffuse, in fase specialistica, si segnala poi l'ossigeno ozono terapia, pratica medica che utilizza gli effetti benefici dell'ozono per scopi terapeutici.

Curare il mal di schiena a Brescia

Medici di base e professionisti, e non solo: per curare il mal di schiena a Brescia segnaliamo in particolare il Poliambulatorio Oberdan di Via Oberdan 126 (telefono 030 3701312), l'istituto clinico Città di Brescia in Via Bartolomeo Gualla 15 (telefono 030 37101), l'istituto clinico Sant'Anna in Via del Franzone 31 (telefono 030 3197111).

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Gli sport da spiaggia da praticare anche sui laghi bresciani

I più letti della settimana

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Offlaga: parte un colpo di fucile, morto il 19enne Riccardo Moretti

  • Nadia Toffa, al funerale c'era l'ex fidanzato: quando parlò di figli e matrimonio

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

  • Da un piccolo allevamento a un impero da 50 milioni: morta Elvira Crescenti

Torna su
BresciaToday è in caricamento