Traffico e viabilità: stop ai diesel Euro 3 (per tutto l'anno) a Brescia e provincia

La novità approvata in estate dalla giunta regionale: le limitazioni ai diesel Euro 3 prenderanno il via dal 1 ottobre 2019

Stop ai diesel Euro 3 per tutto l'anno, da mattina a sera, dal lunedì al venerdì salvo festività infrasettimanali, a Brescia e in diversi Comuni dell'hinterland: è questa la sostanziale novità della recente delibera di giunta regionale (datata 31 luglio) che prevede, appunto, che a partire dal 1 ottobre 2019 siano estese a tutto l'anno le limitazioni alla circolazione per i veicoli Euro 3 diesel. Nella delibera sono contenute anche le modalità, informazioni e procedure per aderire al progetto MoVe-In, Monitoraggio Veicoli Inquinanti, che si pone l'obiettivo di monitorare le percorrenze dei veicoli tramite l'installazione a bordo di un dispositivo, tipo “scatola nera”, in grado di fornire alla Regione i dati di percorrenza reale, al fine di introdurre nuove modalità di controllo per limitare le effettive emissioni prodotte dai veicoli stessi. Tutte le informazioni sulla pagina web di MoVe-In.

Limitazioni al traffico per tutto l'anno

Le limitazioni della circolazione e dell'utilizzo dei veicoli si applicano nelle giornate dal lunedì al venerdì, escluse quelle festive infrasettimanali, dalle ore 7.30 alle 19.30, dal 1 gennaio al 31 dicembre di ogni anno. Questi gli autoveicoli interessati:

  • non omologati ai sensi delle direttive 91/441/CEE, 91/542/CEE oppure 93/59/CEE e alimentati a benzina o gasolio (autoveicoli di classe “Euro 0 benzina o diesel”);
  • omologati ai sensi delle direttive 91/441/CEE, 91/542/CEE riga A oppure 93/59/CEE e alimentati a gasolio (autoveicoli di classe “Euro 1 diesel”);
  • omologati ai sensi delle direttive 91/542/CEE riga B, 94/12/CE, 96/1/CE, 96/44/CE, 96/69/CE, oppure 98/77/CE e alimentati a gasolio (autoveicoli di classe “Euro 2 diesel”);
  • omologati ai sensi delle direttive 98/69/CE, 98/77/CE fase A, 99/96/CE, 99/102/CE fase A, 2001/1/CE fase A, 2001/27/CE, 001/100/CE fase A, 2002/80/CE fase A, 2003/76/CE fase A e alimentati a gasolio (autoveicoli di classe “Euro 3 diesel”)

Le limitazioni inerenti agli autoveicoli Euro 0 benzina e diesel, Euro 1 diesel ed Euro 2 diesel si applicano nei Comuni di Fascia 1 e Fascia 2 (570 Comuni) della Lombardia. Le limitazioni interenti agli autoveicoli Euro 3 diesel sono anch'esse esse estese a tutto l'anno e si applicano nei Comuni di Fascia 1, 209 Comuni, e nei Comuni con più di 30mila abitanti di Fascia 2 (e dunque Abbiategrasso, Lecco, San Giuliano Milanese, Varese e Vigevano). L'elenco completo è consultabile a questo link.

A queste si aggiungono le limitazioni per motoveicoli e ciclomotori a due tempi. Sulla sezione dedicata del sito web di Regione Lombardia è possibile consultare anche tutte le esenzioni: tra queste, ad esempio, auto ibride o alimentate con impianti a Gpl.

Come funziona nel Bresciano

Le limitazioni agli Euro 3 diesel non riguardano, ovviamente, tutti i Comuni della provincia di Brescia. Questi i Comuni dove il divieto sarà attivo dal 1 ottobre 2019: oltre al capoluogo, Brescia, varie località dell'hinterland e della Valtrompia come Borgosatollo, Botticino, Bovezzo, Castelmella, Castenedolo, Cellatica, Collebeato, Concesio, Flero, Gardone Valtrompia, Gussago, Lumezzane, Marcheno, Nave, Rezzato, Roncadelle, San Zeno Naviglio, Sarezzo e Villa Carcina.

Questi sono invece i Comuni, in tutto una trentina, della cosiddetta Fascia 2, dove sono operative le limitazioni solo per autoveicoli Euro 0 benzina e diesel, Euro 1 diesel ed Euro 2 diesel: Adro, Bedizzole, Calcinato, Calvagese della Riviera, Castegnato, Cazzago San Martino, Chiari, Coccaglio, Cologne, Desenzano del Garda, Erbusco, Gavardo, Lonato, Mazzano, Muscoline, Nuvolento, Nuvolera, Ospitaletto, Paitone, Palazzolo sull'Oglio, Passirano, Polpenazze, Pontoglio, Prevalle, Puegnago, Roè Volciano, Rovato, Soiano, Urago d'Oglio e Villanuova sul Clisi. 

Controlli e sanzioni

Chi sgarra, come sempre, paga. A norma dell’articolo 13, comma 6, della l.r. 24/06, i controlli sul rispetto delle limitazioni alla circolazione dei veicoli sono effettuati dai soggetti che svolgono servizi di polizia stradale e l’irrogazione delle relative sanzioni amministrative pecuniarie, in caso di accertamento delle violazioni, interviene ai sensi dell’articolo 27, comma 11 della l.r. 24/06. I proventi delle sanzioni spettano ai Comuni nel cui territorio è stata accertata la violazione ai sensi dell’articolo 27, comma 18bis, della l.r. 24/06.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schiacciati da mutuo e prestiti, due figli a carico: cancellati debiti per 267mila euro

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Crolla il balcone di un condominio: appartamenti inagibili, famiglie evacuate

  • Parrucchiere e cliente senza mascherina, salone chiuso dalla polizia

  • Si accascia sul divano e muore davanti al marito e ai figli: aveva solo 46 anni

  • Sputi, insulti, sassi contro auto e ciclisti: ora il paese ha paura della baby gang

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento