"Attenti al Badalisc!": misterioso avvistamento sulle strade del Giro

Lo riconoscete? E' il temibile Badalisc, figura mitologica della Valle Camonica apparsa anche sulle strade del Giro d'Italia

Il Badalisc pubblicato su Facebook

Una misteriora apparizione sulle strade del Giro d'Italia: sguardo truce e denti aguzzi, un comodo ombrellino in testa per ripararsi dal sole o dalla pioggia. E' il temibile Badalisc, la celebre figura mitologica della Valle Camonica: si dice sia originario di Andrista, frazione di Cevo. Celebrato ormai da secoli, se non da millenni, il Badalisc vivrebbe nei boschi ma solo per essere catturato, ogni anno nel periodo dell'Epifania, e poi portato in paese.

La leggenda del Badalisc

Una volta catturato, viene accompagnato in piazza dove è chiamato a tenere il suo altrettanto celebre “discorso”: una lunga chiacchierata in rima, durante la quale il Badalisc racconta notizie piccanti, aneddoti e curiosità goliardiche sulla vita dei paesani.

Dicevamo, proprio in queste ore è apparso sulle strade del Giro, in occasione della tappa bresciana (e camuna) che si concluderà in giornata a Ponte di Legno. La sua venuta è stata immortalata anche dalla Pro Loco Valsaviore, che l'ha pubblicata su Facebook.

“Super mitico Badalisc – si legge – Perché lui sa sempre qual è la cosa migliore da fare: avvisate i girini, che pora. Nota bene: il Badalisc è di Andrista, capito, Andrista, non di Cevo. Ma racumande, altrimenti stanotte viene a tirarvi fuori dal letto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

Torna su
BresciaToday è in caricamento